Federproprietà Napoli

Campania, Nonno e Patriarca: «Vergognoso che nessuna autorità abbia accolto militari di ritorno da Afghanistan»

Pubblicità

«Non sono bastate decine di vittime tra i nostri uomini in missione di pace per smuovere dalla sedia alcun rappresentante ministeriale»

«Riteniamo inaccettabile che non vi sia stata alcuna rappresentanza istituzionale ad accogliere il Comandante della Brigata Folgore insieme all’ultima aliquota di uomini ed alla Bandiera di guerra del 186^ Rgt. di rientro dalla missione in Afghanistan, da poco conclusa per i nostri militari».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Lo dichiarano in una nota congiunta i consiglieri regionali della Campania Marco Nonno ed Annarita Patriarca.

«Evidentemente – continuano – non sono bastate decine di vittime tra i nostri uomini in missione di pace per smuovere dalla sedia alcun rappresentante ministeriale, a differenza di quanto avvenne quando fu liberata la cooperante convertita all’Islam ed “innamorata” del mondo che l’aveva tenuta prigioniera per 18 mesi. All’epoca tutte le massime cariche dello Stato fecero a gara per poter sfilare in passerella, nonostante la vicenda a dir poco opaca».

«Siamo con la mente e con il cuore vicini alle donne ed agli uomini delle nostre Forze Armate che anche durante questa missione hanno tenuto alto l’onore della nostra Nazione. Porteremo, dal consiglio regionale della Campania, attraverso le giuste iniziative istituzionali, la questione ai massimi livelli»

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Morto Ciriaco De Mita, ex presidente del Consiglio e segretario Dc

Lo ha annunciato il vicesindaco di Nusco L’ex presidente del Consiglio e segretario della Dc, Ciriaco De Mita, è morto questa mattina nella casa di...

Cinema, il flop delle riaperture: il film più visto incassa appena 1300 euro

Certo, che non potesse essere una ripartenza dai grandi incassi per il cinema italiano, con nemmeno il 10% delle sale aperte, lo si era...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook