Federproprietà Napoli

Stefano Bonaccini: «Prima il Nord, il Sud può aspettare». L’unità d’Italia made in Pd

«Il Sud ora aspetti, il Nord deve ripartire subito». Assolutamente, no! Non è una frase al sen sfuggita di quel ‘razzista antimeridionale’ del leader della Lega Matteo Salvini e pubblicata da qualcuno di quei ‘giornalacci’ del Nord come ‘Libero’ – che pure l’ha rilanciata  ma riprendendola da un’intervista rilasciata a ‘La Stampa‘ – nientepopodimenoche da Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia Romagna.

Ragion per cui nessuno ha avuto alcunché da ridire, non una tivvù, non uno di quei quotidiani political correct della sinistra-chic ed elitaria, perennemente con la puzza sotto il naso, non uno di quegli esponenti di governo o di quei meridionalisti di facciata, ma filo-unitaristi dentro per interesse personale, che in altre occasioni e per dichiarazioni decisamente meno significative, perché collegate alla richiesta di autonomia delle regioni, hanno immediatamente sollevato gli scudi contro la possibile minaccia di “secessione dei ricchi” di leghismo vestita.

Ebbene detto che – e chi mi fa l’onore di leggere le mie elucubrazioni mentali lo sa da sempre – personalmente, non sono un sostenitore della Lega sono fra quelli che hanno sempre gridato il proprio «no» contro il rischio rappresentato dal regionalismo differenziato (o rafforzato) così come richiesto dai governatori della Lombardia (Fontana) e del Veneto (Zaia), perché rappresenta il trionfo dell’egoismo, del pregiudizio e dell’equivocità.

Un «no» che, però, deve valere anche quando lo stesso discorso lo fa il loro collega dell’Emilia Romagna, soprattutto se – come fa Bonaccini – si spinge addirittura oltre e nel momento in cui è necessario lavorare per far ripartire l’Italia, pretende che il governo si adoperi per la ripartenza del Nord e se ne “strafotta” del Sud. Come a dire di quella “locomotiva Mezzogiorno” «che – secondo l’Associazione G. Dorso e l’Osservatorio Banche Imprese,- potrebbe – se Sud e Nord si adoperassero per esserne coprotagonisti – innescare un nuovo miracolo economico italiano. Perché, è il Sud che ha le potenzialità e le risorse indispensabili per diventare il volano dello sviluppo nazionale».

Pubblicità

E, invece, anche per il democraticissimo presidente dem dell’Emilia e Romagna, Bonaccini, come per i suoi colleghi leghisti Fontana, Zaia e il loro leader di partito Salvini, viene prima il Nord, mentre quel Sud – che pure aspetta dal “1861”, 159 anni dopo, in pieno 2020 e dopo una Pandemia che sta radendo al suolo ciò che resta della sua economia – può ancora continuare ad attendere. Perché bisogna far partire subito quel Nord che produce più della metà del pil. Parola di Bonaccini! E se lo dice lui deve essere giusto, lui non è leghista. Ma solo da ricovero. Magari anche forzato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

de Magistris: «Soldi e poteri ai sindaci. Ordinanza sulla movida della Regione è abuso di potere»

In poco più di due minuti di intervista, rilasciata a Rainews24, il sindaco Luigi De Magistris ne ha per tutti. Attacca il governo, il...

Prestazioni sessuali in cambio di esami: a Napoli sospeso un docente della Federico II

Prestazioni sessuali in cambio di esami. E' l'accusa per cui la polizia giudiziaria del Nucleo di polizia economico-finanziaria ha eseguito un'ordinanza del gip del...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...