Federproprietà Napoli

Caserta, accoltellato il deejay Joseph Capriati: arrestato il padre 61enne

Pubblicità

Joseph Capriati, noto deejay internazionale è stato accoltellato dal padre al culmine di un’accesa discussione avvenuta ieri sera. E’ ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta ma non sarebbe in pericolo di vita.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il padre Pietro, 61enne, è stato arrestato per tentato omicidio e condotto in carcere a Santa Maria Capua Vetere dalla Polizia di Stato (squadra Volante della Questura di Caserta diretta da Luigi Ricciardi). Il ferimento di Capriati – hanno accertato i poliziotti – è avvenuto ieri sera al termine di una lite che ha coinvolto il deejay e altri appartenenti al suo nucleo familiare, tra cui il padre, che ha impugnato un coltello da cucina colpendolo al torace.

Soccorso, il il personale sanitario ha chiamato il 113 per segnalare il ragazzo in pericolo di vita per una ferita da arma da punta e taglio sulla parte alta del torace sinistro.

I poliziotti hanno poi trovato e sequestrato l’arma. Giuseppe Capriati (questo il nome reale dell’artista) solitamente vive in Spagna ma da quando è scoppiata la pandemia, anche a causa del blocco del lavoro, era tornato nella casa paterna a Caserta.

Pubblicità

Molto amato dai ragazzi e dal mondo dei deejay set internazionali, tanti i messaggi di incoraggiamento al giovane artista. Come Dave Clarke che si dice «completamente scioccato» aggiungendo che «Joseph è una delle persone più dolci dell’industria musicale» e «un’anima generosa». «Spero sinceramente che ce la farà, so che molti di noi saranno lì per aiutarlo» conclude Clarke.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Rauti (FdI): «Conte ha annunciato Fase 1bis e sul Mes espone l’Italia alla trappola ‘strozzina’ della Troika»

L’emergenza Coronavirus, con la questione della riapertura che ha lasciato molti scontenti ma anche i riflessi politici che questa epidemia sta determinando. E soprattutto...

Napoli, Pomo (Ugl): «Dopo 2 anni di dure trattative i lavoratori ex American Laundry possono ritornare a festeggiare il 1 maggio»

«Nelle scorse ore la UGL Chimici di Napoli unitamente alle OO.SS. Filctem CGIL, Uiltec UIL ed OR.S.A., ha sottoscritto con l’azienda Hospital Service Srl...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook