La morte di Manuel, chiude il canale TheBorderline: «Il nostro pensiero è solo per Manuel»

Pubblicità

Una perizia sulla velocità del Suv

La velocità a cui viaggiava il suv Lamborghini in via di Macchia Saponara, a Casal Palocco, è forse la chiave principale che stabilirà il livello delle responsabilità di Matteo Di Pietro, lo youtuber ventenne indagato per l’omicidio stradale del piccolo Manuel.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbero arrivare a breve i risultati della consulenza tecnica che i pm di Roma hanno affidato per accertare a quanti chilometri orari viaggiasse l’auto che mercoledì scorso si è schiantata contro la Smart Forfour all’interno della quale c’erano il bimbo di cinque anni, morto poco dopo, e la sorellina con la madre. I funerali del bambino si svolgeranno nei prossimi giorni dopo il nulla osta della Procura, che ha disposto l’autopsia all’istituto di medicina legale di Tor Vergata.

I pm vogliono avere un quadro chiaro delle cause della morte, dichiarata circa una ora e mezza dopo l’incidente, dopo il drammatico tentativo di salvargli la vita messo in atto dal personale del 118. Ci sono poi una serie di aspetti che riguardano la dinamica dell’incidente su cui sta cercando di far luce la polizia municipale: ad essere messe insieme saranno le immagini delle telecamere posizionate in via di Macchia Saponara, a circa 250 metri di distanza dall’incrocio con via Archelao di Mileto, dove è avvenuto l’impatto, ma anche quelle sull’altro lato della strada, che potrebbero aver ripreso il passaggio del bus Atac il cui autista è di fatto un testimone oculare.

La difesa del giovane

I legali del giovane, i quali negano che l’indagato stesse superando un veicolo nei pressi dell’incrocio, puntano invece a dimostrare che la mamma del bimbo possa aver tagliato la strada alla Lamborghini guidata da Matteo, senza dargli la dovuta precedenza: una tesi sulla quale gli avvocati insistono in virtù del fatto che la Smart ha riportato danni sulla fiancata destra.

Pubblicità

Quel che sembra ormai certo è che il suv Lamborghini noleggiato dal ventenne non viaggiava nei limiti dei 30 chilometri orari previsti in quella strada ma ben oltre, forse più del doppio: un dato che a prescindere farà la differenza sulle responsabilità.

Resta poi la positività dello youtuber ai cannabinoidi rilevata in pronto soccorso dopo le analisi del sangue a seguito dell’incidente, ma anche in questo caso bisognerà stabilire se e quando Di Pietro avesse assunto droghe. Non si esclude che il giovane, per il quale finora non è stata ritenuta necessaria alcuna misura cautelare, possa essere ascoltato dagli inquirenti a piazzale Clodio nei prossimi giorni.

Leggi anche:  Terribile rogo all'ospedale di Tivoli: 3 morti e oltre 200 evacuati

Le perquisizioni a casa dell’indagato

La sua casa è stata intanto perquisita, alla ricerca di video, cellulari o eventualmente droga, visti i risultati delle analisi. A finire sotto i riflettori è stata anche la sede della società TheBorderline, di cui Di Pietro era capo del cda e che aveva un fatturato annuo di circa 190 mila euro.

Dall’analisi dei filmati sui cellulari sequestrati, compresi quelli che erano a bordo del suv coinvolto, potrebbero emergere nuovi tasselli per arrivare alla verità sulla challenge che il ventenne e il suo gruppo di youtuber avevano lanciato. Quella sfida social, restare in auto per cinquanta ore consecutive, che ha avuto come epilogo anticipato e improvviso la morte del piccolo Manuel.

Le immagini di quell’ennesima gara da superare potrebbero essere state viste da migliaia di adolescenti: anche per questo si spera scongiurare il rischio di emulazione, visto che dallo studio del Centro nazionale per le dipendenze e il doping dell’Istituto superiore di sanità emerge che il 6,1% degli studenti tra 11 e 17 anni, circa 243.000 ragazzi, ha partecipato almeno una volta a una sfida social pericolosa.

La chiusura di TheBorderline

Il canale TheBorderline, creato nel 2020, che ha catturato l’attenzione di milioni di utenti della rete e circa 600 mila iscritti chiude. Gli autori hanno deciso di non proseguire la loro attività «I TheBorderline esprimono alla famiglia il massimo, sincero e più profondo dolore – hanno scritto in un testo pubblicato come ultimo video – Quanto accaduto ha lasciato tutti segnati con una profonda ferita, nulla potrà mai più essere come prima».

«L’idea di TheBorderline – continuano – era quella di offrire ai giovani un intrattenimento con uno spirito sano. La tragedia accaduta è talmente profonda che rende per noi moralmente impossibile proseguire questo percorso. Pertanto, il gruppo TheBorderline interrompe ogni attività con quest’ultimo messaggio. Il nostro pensiero è solo per Manuel»

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Riforma Costituzionale: Un «sì» al premierato, oltre le lagnanze

Il giurista Sabino Cassese, ha chiarito che «va nella direzione giusta ma ora bisogna fare attenzione» Quando si mette mano ad una riforma si è...

Terribile rogo all’ospedale di Tivoli: 3 morti e oltre 200 evacuati

La struttura completamente inagibile Sono tre anziani le vittime accertate dell’incendio che si è sviluppato nella serata di ieri nei piani sotterranei dell’ospedale San Giovanni...

Ultime notizie