Federproprietà Napoli

Migranti, Piantedosi chiede una svolta. Bruxelles apre: «Pronti a dare sostegno all’Italia»

Pubblicità

Giorgia Meloni: «In questa materia è molto meglio collaborare che stare a discutere»

Ci sono «sfide epocali che non possono essere affrontate dai singoli Stati». E’ quindi arrivato il tempo che l’Unione europea «sviluppi una grande politica per le migrazioni», perché finora l’Italia è stata penalizzata, con il Canale di Sicilia che è «la principale rotta degli ingressi illegali» nel Continente.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi nella sua informativa alle Camere rivendica la strategia del Governo, «ispirata a umanità e fermezza», ribadisce che le navi ong costituiscono un «fattore d’attrazione» dei flussi, ma raffredda la temperatura dello scontro con la Francia, dopo il caso Ocean Viking, che ha creato attriti «assolutamente non voluti dall’Esecutivo». Una linea dialogante che è stata poi esplicitata da Giorgia Meloni: «in questa materia è molto meglio collaborare che stare a discutere», ha detto da Bali a margine dei lavori del G20.

E da Bruxelles arrivano aperture

Sugli arrivi sui migranti in Italia «siamo pronti a dare sostegno e ad aiutare in questa situazione. E avrò anche l’opportunità di incontrare il nuovo ministro italiano in Germania e questa è forse una cosa di cui discuterò», ha assicurato la commissaria agli Affari interni, Ylva Johansson. E la presidenza di turno Ue (Repubblica Ceca) intende procedere sul dossier consultando i singoli Paesi e sulla base di un documento di lavoro che la Commissione dovrebbe mettere sul tavolo. Mentre la premier francese, Elisabeth Borne, riconosce che le navi ong «fanno un lavoro importante ma una cooperazione più fluida e trasparente con i poteri pubblici è indispensabile».

Piantedosi: «Non si entra illegalmente»

«Non abbiamo nessuna intenzione di venir meno ai doveri di accoglienza e solidarietà, ma in Italia – rimarca il ministro dell’Interno – non si entra illegalmente e la selezione di ingresso non la fanno i trafficanti di esseri umani». Piantedosi rileva come il sistema di accoglienza – 104mila ospiti – sia messo sotto pressione dagli sbarchi, cresciuti del 64% rispetto al 2021 (93mila arrivi) ed i prefetti segnalano difficoltà a reperire ulteriori posti.

Pubblicità

Inoltre, la maggior parte dei migranti «è spinta da motivazioni di carattere economico e, quindi, non ha titolo a rimanere sul territorio nazionale», dal momento che nel 57% dei casi l’esame della domanda di asilo si è concluso con un diniego. Quanto alle navi ong, l’ex prefetto invoca un «maggior coinvolgimento dello Stato di bandiera dell’imbarcazione: non può essere un soggetto privato a scegliere il Paese dove sbarcare i migranti».

Leggi anche:  Vertice Italia-Francia, Crosetto: «Totale intesa, costruire insieme una visione di sicurezza»

Una frecciata il ministro la riserva anche agli «Stati che esortano l’Italia ad accollarsi gli oneri dell’accoglienza, ma sono tra i fautori più intransigenti, in sede europea, del contrasto ai movimenti secondari e tra i principali oppositori al mutamento del regime di asilo di Dublino». Più in generale, serve «una nuova politica europea», visto che il meccanismo volontario di solidarietà per i ricollocamenti ha dato risultati «del tutto insoddisfacenti». Di questo il ministro parlerà già nelle prossime ore nella riunione G7 di Wiesbaden con il commissario Johansson e con gli altri colleghi.

Tajani: «Abbiamo posto un problema generale»

Anche il ministro degli Esteri Antonio Tajani, è per calmare le acque. «Abbiamo posto – spiega – un problema generale. Non è un problema che l’Italia ha con la Francia, noi poniamo un problema politico, di legalità. Non si può prescindere da una solidarietà europea». E «mi sembra che questo grido partito dai Paesi frontalieri del sud cominci ad essere accolto, c’è disponibilità».

Del tema si è parlato alla riunione dei Rappresentanti dei 27, nell’ambito del quale è stata riconosciuta – come chiede Roma – la peculiarità dei salvataggi in mare pur a fronte della pressione che si sta registrando sulla rotta balcanica. Nessuna decisione, invece, riguardo la convocazione di un Consiglio ministeriale straordinario. E mentre si portano avanti trattative con Bruxelles e gli altri Paesi coinvolti, il Governo pensa a nuovi provvedimenti in materia di migranti, come promesso dalla premier Meloni.

Piantedosi rileva tuttavia che «le norme le scrive il Parlamento», sembrando così chiudere la strada all’ipotesi di un decreto legge, dopo le polemiche seguite a quello contro i rave. Si agirà però sul decreto flussi, che riserva quote d’ingresso ad una serie di Paesi, rivedendo i meccanismi previsti in modo da premiare gli Stati che garantiscano «concretamente la loro collaborazione nella prevenzione delle partenze e soprattutto nell’attuazione dei rimpatri». Saranno inoltre rafforzati i corridoi umanitari per i vulnerabili. Tra Camera e Senato pieno sostegno della maggioranza all’informativa del ministro, critiche dall’opposizione.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Jabil Marcianise, Cerreto (FDI): «Chiesto un tavolo di trattativa per scongiurare incomprensibili licenziamenti»

L'onorevole ha partecipato all’assemblea pubblica L’on. Marco Cerreto ha partecipato all’assemblea pubblica indetta questa mattina dalla CGIL CISL UIL sulla questione Jabil. Nel suo intervento...

La prudenza che fa agire … Io sto con Nordio. Mostra spessore ed equilibrio

Se la notizia di reato deriva da perorazione giornalistica ne scaturisce un processo (mediatico) fuori dal processo (giudiziario) Provare ad imbastire una strategia è opera...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook