Fine corsa per Bruno Carbone: il socio di Raffaele Imperiale catturato a Dubai

Il latitante è già atterrato a Ciampino

Una vita da broker della droga al servizio dei clan. Il narcos latitante Bruno Carbone è stato catturato all’aeroporto di Dubai dai carabinieri del Nucleo investigativo di Napoli ed è già stato portato in Italia dove è sbarcato nello scalo di Ciampino a Roma.

Pubblicità

Si tratta di uno dei pezzi da novanta del narcotraffico internazionale: Carbone, originario di Giugliano, per anni avrebbe rifornito di droga i clan del napoletano, dai Nuvoletta ai Ciccarelli di Parco Verde, fino ai clan del Rione Traiano, gestendo, dalla sua base in Olanda, i rapporti con i fornitori colombiani. La latitanza per Carbone era scattata dopo la condanna a 20 anni di reclusione per traffico internazionale di stupefacenti lungo la rotta Spagna-Napoli-Catania. Era irreperibile dal 2003 e legato all’altro narcos Raffaele Imperiale.

Fu il collaboratore di giustizia Andrea Lollo, ex broker della droga, a svelare la base olandese che Carbone avrebbe usato in una prima fase: «La moglie di Carbone mi disse che dopo il Natale del 2014 avrei potuto raggiungere Bruno Carbone, nel suo covo in Olanda», raccontò il pentito in una deposizione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Proprio a Dubai erano stati catturati altri due elementi di primo piano della criminalità campana: il broker della camorra Raffaele Imperiale, considerato uno tra i più importanti narcotrafficanti del mondo, divenuto noto perché in una sua villa a Napoli vennero ritrovati nascosti nel muro due dipinti di Van Gogh rubati nel 2002 ad Amsterdam, e Raffaele Mauriello, ‘o chiatto, considerato esponente di spicco della cosca Amato-Pagano.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Altra voragine in provincia di Napoli: interdetto uno svincolo della Domitiana

Messa in sicurezza l'area Ancora disagi per una voragine dopo i problemi creati dal cedimento verificatisi a Napoli nei giorni scorsi in via Morghen, nel...

Biennale, Sangiuliano: «No agli intolleranti, sì a Israele»

Il ministro: «È inaccettabile, oltre che vergognoso, il diktat di chi ritiene di essere il depositario della verità» «È inaccettabile, oltre che vergognoso, il diktat...