G20, Meloni: «Pandemie non ci troveranno impreparati, più fondi»

Quindici paesi donatori e tre charities si sono impegnati a donare 1,4 miliardi di dollari

«Grazie Signor Presidente per avermi dato nuovamente la parola, su questo argomento cruciale. “La salute è tutto”, come siamo soliti dire, e l’Italia sostiene i suoi sforzi per costruire un’Architettura Globale della Salute». Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni aprendo il suo intervento alla sessione del G20 dedicata alla salute.

Pubblicità

«Secondo l’Oms la fine dalla pandemia di Covid-19 è in vista, ma le pandemie non sono finite. Al contrario, gli esperti ci avvertono che potrebbero verificarsi più spesso. Il cambiamento climatico, la distruzione dell’ambiente, l’inquinamento e i viaggi frequenti contribuiscono alla diffusione delle malattie. La Presidenza italiana del G20 si è concentrata lo scorso anno sull’approccio olistico One Health».

«Esso copre tutti gli aspetti dell’assistenza sanitaria, nel senso più ampio possibile, ed è l’unica soluzione sostenibile nel lungo termine. Ci renderà anche più preparati per le possibili crisi sanitarie dei prossimi anni. Non possiamo permetterci di essere presi di nuovo alla sprovvista. Ma preparazione, prevenzione e risposta alle pandemie richiedono risorse, finanziamenti affidabili e una maggiore capacità di mobilitare fondi».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«A tal fine – ha aggiunto la premier – la Joint Finance-Health Task Force, co-presieduta da Italia e Indonesia, ha varato un apposito Financial Intermediary Fund. Il Fondo dovrebbe diventare pienamente operativo entro la fine dell’anno. Quindici paesi donatori e tre charities si sono già impegnati a donare 1,4 miliardi di dollari. L’Italia è il terzo donatore, dopo Stati Uniti e Commissione europea».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Napoli, raid contro imprenditore: arrestato il presunto rapinatore

I furti nel centro scommesse di Gianni Forte È gravemente indiziato di essere l’autore della rapina e della tentata rapina entrambe commesse lo scorso 5...

Scacco ai clan a Nord di Napoli: il boss innominabile per paura delle intercettazioni

Nuove accuse per Francesco Pezzella Il suo nome non si doveva pronunciare, era un boss ‘innominabile’ Francesco Pezzella, a cui oggi i carabinieri di Giugliano...