Federproprietà Napoli

Baby rapinatore ucciso, il carabiniere rischia un processo per omicidio volontario

Pubblicità

Il ragazzo morto nel borgo Santa Lucia durante un tentativo di rapina

Si sono concluse le indagini sul carabiniere che la notte tra il 29 febbraio e il primo marzo 2020, nel borgo Santa Lucia di Napoli, ha sparato – uccidendolo – al giovanissimo rapinatore 15enne Ugo Russo, morto sul colpo. Lo rendono noto Il Mattino e Repubblica. Il militare dell’arma venne sorpreso da Ugo, che impugnava una pistola poi rivelatasi una replica di quelle vere, mentre era in auto con la fidanzata. Insieme con un complice aveva «puntato» l’orologio del militire che ha reagito sparando.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Secondo quanto emerso dalla perizia balistica il militare avrebbe esploso prima due colpi (uno dei quali ha raggiunto la vittima alla spalla) e, dopo una pausa, altri due, tra cui quello fatale al capo. Ugo rimase a terra, esanime mentre il complice riuscì a scappare. Il carabiniere, difeso dagli avvocati Enrico Capone e Mattia Floccher, in servizio in una località del Nord Italia, rischia ora un processo per omicidio volontario che si annuncia quasi esclusivamente tecnico.

I legali del carabiniere, attraverso la perizia di due esperti che hanno passato al setaccio le risultanze della consulenza balistica, ritengono invece di essere giunti a conclusioni diametralmente opposte rispetto a quelle formulate dagli inquirenti. Nel corso di questi anni più volte i familiari di Ugo Russo hanno chiesto «verità e giustizia», un’istanza avanzata anche da Zerocalcare.

Nei Quartieri Spagnoli di Napoli (dove il 15enne viveva con la sua famiglia) venne anche realizzato un murales per ricordare Ugo, la cui rimozione è stata sospesa in attesa dell’esito di un procedimento giudiziario.

Leggi anche:  Napoli, Mocerino: «Immobilismo alla X Municipalità, pronta a dimettermi»
Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Bimba di 2 anni ingerisce sostanza stupefacente: ricoverata al Santobono

L'ingerimento di droga sarebbe avvenuto nella sua abitazione Una bimba di poco meno di due anni ha ingerito della sostanza stupefacente ed è stata portata...

Riscaldamenti a scuola spenti per un guasto, bimba si sente male: ricoverata in ipotermia

È accaduto in una quinta elementare Un’alunna della quinta elementare della scuola «Emanuela Loi» in via Dogali a Palermo, martedì scorso si è sentita male...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook