Latitante del clan della «167» arrestato da carabinieri travestiti da bagnanti

L’uomo è stato bloccato in un lido nel Casertano

E’ stato arrestato dai carabinieri, travestiti da bagnanti, il latitante Luigi Piscopo, 33 anni, originario di Arzano (Napoli), sfuggito al blitz anticamorra dello scorso 25 aprile. I militari del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna l’hanno bloccato mentre era in compagnia della sua famiglia in un lido che si trova in località Baia Azzurra, a Sessa Aurunca, nel Casertano.

Pubblicità

E’ ritenuto dagli inquirenti legato al gruppo camorristico di Arzano cosiddetto della “167” e di aver partecipato ad un’associazione finalizzata allo spaccio di droga. Nell’operazione del 25 aprile vennero arrestate 27 persone su 29, anche loro ritenute appartenenti alla stessa organizzazione malavitosa.

Piscopo era l’unico che mancava all’appello. Lo scorso 21 maggio, infatti, sempre i carabinieri, hanno arresto il penultimo latitante, Alterio Gennaro, rintracciato nella località marina di Vietri sul Mare (Salerno)

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

«Vuoi morire pure di vecchiaia? Nuje amma murì con una botta in testa»

Le intercettazioni che hanno inchiodato i baby boss dei Quartieri Spagnoli legati ai Faiano Le indagini che hanno portato alla cattura dei tre giovanissimi ras...

Ecco perché il clan Mazzarella è la cosca più potente della città

Nell’analisi dell’Antimafia tutti i territori controllati dal clan e le famiglie alleate Il clan Mazzarella è tentacolare, ramificato e diffuso a macchia di leopardo. L’analisi...