Giugliano, ucciso a colpi di pistola dopo una lite: condannato 38enne

Carmine Fammiano ammazzato dopo un banale diverbio stradale

La Corte d’Assise di Napoli ha condannato a 30 anni di carcere Paolo Di Nardo, 38enne accusato di aver ucciso a colpi di pistola il 7 agosto 2020, a Giugliano in Campania, Carmine Fammiano, in seguito ad un banale diverbio stradale.

Pubblicità

Di Nardo colpì con tre colpi di pistola alle gambe Fammiano, che però riuscì comunque ad allontanarsi in auto e morì poco dopo. Fu ritrovato in una pozza di sangue nell’abitacolo in una zona distante dal luogo del delitto. Le indagini della Procura della Repubblica di Napoli Nord accertarono che ad uccidere Fammiano era stato un proiettile che gli aveva reciso l’arteria femorale; Di Nardo fu fermato e finì in carcere su ordine del Gip del tribunale di Napoli Nord.

I successivi approfondimenti investigativi, realizzati con esami balistici e medico-legali, hanno permesso di accertare che dei tre proiettili sparati dalla pistola calibro 9 di Di Nardo, quello letale rimbalzò sull’asfalto per andarsi a conficcare nella gamba della vittima e lesionargli la vitale arteria. Il 38enne è stato condannato per omicidio doloso aggravato dai futili motivi.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

«Peppe è un ragazzo valido, ma ha troppa ansia: quando fa i reati suda»

Gruppo della Stadera, le intercettazioni: «È sceso con me a sparare, però si mette troppa paura» Può un appartenente a un gruppo criminale essere preso...

Nelle prossime 36 ore aumento delle temperature: fino a 5-6 gradi in più

Dal weekend il caldo potrebbe attenuarsi Temperature in ulteriore aumento, 5-6°C in più, nelle prossime 36 ore: arriva il picco dell’anticiclone africano che porta anche...