Federproprietà Napoli

Fisco, De Lise (commercialisti): «Urgente riforma del calendario tributario o sarà paralisi»

Pubblicità

L’allarme del presidente dell’Ungdcec: «Difficile fronteggiare questa mole enorme di notifiche tributarie»

«Dal 20 al 31 agosto ci troveremo ad affrontare ben 163 adempimenti fiscali. Questo dimostra come, nella prossima riforma del fisco, sia primario per tutti – contribuenti, professionisti e Agenzia delle Entrate – una riforma stessa del calendario fiscale. È indispensabile una programmazione equilibrata per rendere il fisco giusto e di facile comprensione a vantaggio di tutte le parti in causa, in primis per le casse dello Stato. Altrimenti si rischierà la paralisi».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Lo afferma Matteo De Lise, presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili.

«Senza una nuova definizione dei termini per le impugnative – spiega -, che possa permettere una giusta valutazione della cartella, a settembre ci troveremo ad affrontare oltre sessanta milioni di cartelle esattoriali inviate da Agenzia delle Entrate Riscossione. I commercialisti rinnovano la richiesta al Governo Draghi di mettere in campo una task force operativa, coinvolgendo anche i professionisti, per pianificare la lavorazione delle nuove cartelle esattoriali, con l’obiettivo di assicurare l’incasso all’amministrazione finanziaria e una necessaria dilazione dei pagamenti ai contribuenti».

«In caso contrario – conclude De Lise – , sarà veramente difficile fronteggiare questa mole enorme di notifiche tributarie che verranno recapitate nelle prossime settimane».

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Coronavirus, Duraccio (Consulenti Lavoro): «Ammortizzatori sociali uguali per tutti e task force di specialisti al governo»

«Se vogliamo davvero sostenere i lavoratori italiani e le loro famiglie bisogna percorrere necessariamente la strada di un ammortizzatore sociale uguale per tutti. Eliminando...

Giù le mani dal Monte di Pietà. Storia e cultura di Napoli non si toccano

In fondo c’era da aspettarselo. Che alla lunga - dopo essersi arricchito e diventato uno dei maggiori istituti bancari italiani ed europei, acquistando a...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter