Federproprietà Napoli

Castel Volturno, mare troppo mosso: un morto e due feriti. Smentita l’ipotesi del disperso

Pubblicità

Per parecchie ore, Guardia Costiera di Castel Volturno e Vigili del Fuoco hanno cercato con mezzi navali, sommozzatori e elicottero, un 25enne

È di un morto e due feriti il bilancio definitivo di quanto accaduto ieri nelle acque del mare di Castel Volturno (Caserta), dove un 62enne di Cardito (Napoli) ha perso la vita dopo essere annegato a causa del mare molto mosso. Altri due bagnanti sono stati salvati e ricoverati alla clinica “Pineta Grande”.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Per parecchie ore, Guardia Costiera di Castel Volturno e Vigili del Fuoco di Caserta hanno cercato con mezzi navali, sommozzatori e un elicottero, un disperso – che, secondo molti bagnanti della spiaggia libera di Pinetamare, avrebbe dovuto essere un 25 enne nipote del 62enne deceduto – ma con il passare delle ore si è capito che la segnalazione era errata, frutto forse dell’enorme confusione che si è generata sulla spiaggia libera.

Solo dopo alcune ore, quando è giunto un amico del 62enne, è stato chiarito che non c’era alcun nipote. Inoltre uno dei due feriti, sentito dalla Guardia Costiera, ha ammesso che un altro ragazzo era stato soccorso e aveva fatto ritorno in spiaggia. Così l’intervento di soccorso è stato chiuso.

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

de Bertoldi (FdI): «Moneta fiscale strumento utile allo sviluppo senza aumento debito pubblico»

«Nell’ambito dei veri Stati generali dell’economia, quelli promossi ormai da mesi da Fratelli d’Italia attraverso il dialogo continuo con il mondo delle professioni e...

Coronavirus, la Campania pensa al dopo lockdown: sì a passeggiate, spiagge e delivery. In attesa di Roma

Si inizia a delineare la Fase 2 anche in Campania, dove da qualche giorno l'emergenza Coronavirus è entrata in una fase di apparente calma...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Twitter

Facebook