Federproprietà Napoli

Scuola, Drago (FdI): «Necessario mettere ordine sulla riapertura di termini della mobilità e sulla mobilità in deroga»

Pubblicità

«Sul tema della scuola è necessario mettere ordine optando sulla riapertura di termini della mobilità e sulla mobilità in deroga. Non posso che concordare con quanto dichiarato dalle colleghe, ma ora occorre fare una graduatoria di coloro i quali avanzano richiesta di mobilità che tenga conto principalmente di un criterio fondamentale: anzianità di servizio prestato lontano dal luogo di provenienza, altrimenti nessuna giustizia sarà fatta».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Così la senatrice di Fratelli d’Italia Tiziana Drago, ha commentato quanto dichiarato dai deputati di FdI, Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti in occasione degli Stati Generali sulla scuola organizzati da Fratelli d’Italia.

«Esiste una categoria di docenti, che nel 2018 contava circa 17.000 unità (oggi probabilmente le cifre son ridotte a quattro), che vengono sistematicamente penalizzate e dimenticate. Occorre coraggio ed onestà».

«Auspico che il Ministro, i sottosegretari, i parlamentari e i sindacati dimostrino la reale volontà di cambiamento, io ho personalmente depositato in Senato un’interrogazione affinché si affronti il tema celermente. Servono fatti – conclude la senatrice -, poi il resto, che ritengo assolutamente condivisibile, sarà consequenziale».

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Politiche Sociali: il centrodestra presenta le proprie proposte per Napoli

Questa sera, alle ore 19.00, in diretta streaming sulle pagine facebook delle Associazioni "Inmovimento" e "Volontari per Napoli", si svolgerà il primo di una...

Draghi concede un’ora d’aria in più: il coprifuoco passa dalle 22 alle 23. Per l’abolizione se ne parla a fine giugno

Tutto come da copione. Nel giro di un paio d’ore il premier Mario Draghi ha chiuso la pratica del coprifuoco e delle riaperture, che...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter