Federproprietà Napoli

Castellammare, Nonno (FdI): «Abbandono e degrado delle terme di Stabia ferita per il territorio»

Pubblicità

«Porterò all’attenzione del Consiglio Regionale della Campania lo stato di abbandono e degrado in cui versa il patrimonio termale stabiese, ferita inferta a tutta la cittadinanza nonché al territorio circostante. Queste fonti rappresentano da tempo immemore l’identità della città». È quanto denuncia in una nota il Consigliere Regionale della Campania di Fratelli d’Italia Marco Nonno.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Alla mala gestio del termalismo stabiese naufragato in anni di pietosi fallimenti – continua Nonno -, si aggiunge l’incuria nel tempo di questa risorsa che ha di fatto coinvolto anche le fonti più antiche del territorio: acqua Acidula e acqua della Madonna».

«La storica pessima gestione, unita al mancato controllo ed alla mancata manutenzione degli impianti ha fatto sì che la presenza di metalli disciolti nelle acque, frutto di anni di lavori di manutenzione non eseguiti, si traducesse inevitabilmente in danni apportati alle fonti storiche di Castellammare di Stabia. Dal marzo 2021 a tutt’oggi, per ordinanza sindacale, le fonti sono interdette al pubblico; tranne qualche sopralluogo di rito ancora nulla è stato fatto per riqualificarle e rilanciarne l’enorme potenziale», conclude il Consigliere Regionale.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Conto alla rovescia per la sentenza sull’omicidio di Matilde Sorrentino

Oggi la requisitoria di Filippelli e l'arringa dell'avvocato difensore È alle battute finali il processo in corso davanti alla Corte di Assise di Napoli (presidente...

Campania, Muscarà (M5S): «S. Gregorio Armeno, istituire Zona Franca Urbana per salvare la via dei pastori»

«L’emergenza pandemica rischia di spazzare via uno storico simbolo dell’arte e della tradizione di Napoli, oltre che attrattore di visitatori da ogni parte del...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter