Federproprietà Napoli

Caserta, estorsioni a imprenditore: quattro persone arrestate nella notte

Pubblicità

Quattro persone, considerate dagli inquirenti appartenenti al clan dei Casalesi, sono finiti in manette questa notte e condotti in carcere dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe su ordine del Gip del Tribunale di Napoli, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Secondo gli inquirenti, 3 degli indagati, ritenuti estorsori del clan di Casal di Principe (Caserta) misero un imprenditore vittima di estorsione, davanti a una scelta: 30mila euro oppure la sua Jeep “Renegade”.

In manette tra loro un esponente di primo piano della cosca mafiosa, Giovanni Della Corte, catturato a Vasto (Chieti), dove era domiciliato in una casa lavoro in quanto sottoposto alla relativa misura di sicurezza. Della Corte è già stato condannato per camorra, e a Casal di Principe secondo gli inquirenti, con tutti i boss storici in carcere, rivestiva un ruolo di primo piano nel clan.

In carcere anche Vincenzo Luca di 44 anni, già condannato per reati di camorra, Salvatore Massaro di 69 anni e Paolo Piccirillo di 57 anni. Rispondono di estorsione con le aggravanti del metodo e dell’agevolazione mafiosa.

Pubblicità

Dall’inchiesta è emerso che De Luca, Massaro e Piccirillo avrebbero tentato di estorcere nel febbraio 2020 a un imprenditore edile di Casal di Principe 30.000 euro a titolo di tangente da destinare ai detenuti affiliati al Clan e alle loro famiglie, o in alternativa la sua Jeep Renegade; la vittima è stata anche minacciata di morte.

Della Corte è invece accusato di aver chiesto e ottenuto il pizzo in quattro occasioni, tra il 2016 e il 2019, a un altro imprenditore edile di Casal di Principe; in particolare si sarebbe fatto consegnare 1000 euro nel periodo natalizio al fine di agevolare le attività del gruppo criminale.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

La crisi si complica: i volenterosi non arrivano e Conte non si fida del Conte ter. Urne sempre più vicine

Ritorno alla casella del Via. Come nel classico gioco del Monopoli anche la crisi di governo sembra essere ritornata al punto di partenza. E...

Bonus Covid, il terzo ‘furbetto’ è il grillino Marco Rizzone. Crimi: «Chiesta la sospensione immediata»

A poche ore dall'audizione del presidente dell'Inps Tridico, in commissione Lavoro a Montecitorio, emerge anche il nome del terzo parlamentare 'furbetto' che ha percepito...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter