Federproprietà Napoli

Torre Annunziata, Ascione: «No all’ampliamento delle cisterne, sì alla delocalizzazione»

Pubblicità

Una vicenda che ritorna con una ripetitività ed una continuità degna di miglior causa e che sembra essere diventata una sorta di incubo per la città. Parliamo della questione legata all’ampliamento del deposito costiero Isecold all’interno del porto di Torre Annunziata.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Stavolta ad intervenire con una serie di precisazioni è il sindaco della città Vincenzo Ascione che assicura: l’Amministrazione comunale «sta mettendo in campo tutti gli strumenti offerti dall’ordinamento, non solo per impedire l’ampliamento del deposito costiero, ma addirittura per delocalizzarlo».

«In esecuzione degli indirizzi – continua il sindaco – espressi dal Consiglio Comunale, è stata già predisposta l’istanza in autotutela per l’annullamento del decreto regionale di non assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale del progetto di ampliamento della Isecold».

«Inoltre, sull’istanza della stessa Isecold per ottenere nuovamente il permesso edilizio per l’ampliamento, è in corso l’attivazione del procedimento di diniego dello stesso. Infine, l’Ufficio di Piano, che sta lavorando alla fase preliminare del Puc – conclude Ascione – ha ricevuto l’indirizzo espresso dal Consiglio Comunale per la delocalizzazione del deposito costiero».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Covid in Campania, risale percentuale positivi e aumentano i ricoveri

Terapie intensive a +5 e degenze a +21, 11 morti Sono 7.577 i nuovi positivi al Covid in Campania su 39.995 test esaminati. Il tasso...

Covid-19, De Luca ‘zittisce’ Figliuolo. Per il governatore il commissario deve essere solo un ‘corriere’

Continuano le lamentele del presidente della Regione Campania sulla quantità dei vaccini e sul ruolo del commissario Covid Questa mattina il ministero della Salute ha...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook