Federproprietà Napoli

Whirlpool Napoli, Nappi (Lega): «Chiusura è batosta, Di Maio e Patuanelli si dimettano»

Da anni vanno avanti le trattative tra Ministero dello Sviluppo Economico e i vertici italiani dell’azienda Whirlpool, decisa a chiudere lo stabilimento di Napoli, in via Argine. Nel 2018, con l’allora ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, sembrava essersi chiusa la vicenda con l’azienda che si diceva pronta a rimanere in città e a investire.

«Whirlpool non licenzierà nessuno e, anzi, riporterà in Italia parte della sua produzione che aveva spostato in Polonia» annunciava sui social Di Maio. «Questo è il frutto di una lunga contrattazione che siamo riusciti a chiudere al ministero dello Sviluppo Economico. Sono quindi orgoglioso di dire che ce l’abbiamo fatta: stiamo riportando lavoro in Italia». L’ennesimo annuncio flop con l’azienda che quest’oggi ha ribadito l’intenzione di fermare la produzione il prossimo 31 ottobre.

Whirlpool Napoli, Nappi: «Governo e Regione hanno raccontato solo favolette»

«Il 31 ottobre Whirlpool cesserà l’attività dello stabilimento di Napoli, ennesima batosta per la nostra terra» ha commentato Severino Nappi, della Lega Campania. «Governo e Regione hanno raccontato solo favolette per oltre 2 anni, prendendo in giro 430 operai e le loro famiglie, il cui futuro è davvero nero. Era stato l’allora ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio a prendere impegni: dovrebbero dimettersi lui e l’inutile successore Patuanelli. Lo Stato si è dimenticato delle crisi industriali del Sud. Si dovevano obbligare le multinazionali al rispetto dei piani industriali. Siamo vicini ai bisogni dei lavoratori» ha concluso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Napoli, crolla un muro: deceduti due operai in via Caianiello

Due operai hanno perso la vita, questa mattina, travolti da macerie durante il crollo che ha interessato una parete (o forse un solaio) di...

Coronavirus, aumentano i guariti in Italia, in calo i nuovi contagiati. Brusaferro: «Ora bisogna evitare crescita al Sud»

Sono 7.432 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 408 in più di ieri. L'ha detto il commissario per l'emergenza Angelo...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...