Federproprietà Napoli

Mafia, blitz contro i presunti fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro. Quindici indagati

Pubblicità

Un blitz all’alba ha sferrato un nuovo colpo alla rete di presunti fiancheggiatori del boss latitante Matteo Messina Denaro. La squadra mobile di Trapani ha arrestato due persone ritenute dagli inquirenti vicine al capomafia. In manette sono finiti Giuseppe Calcagno di 46 anni, di Campobello di Mazara (Trapani), e Marco Manzo, 55 anni, di Campobello di Mazara, indagati per associazione di tipo mafioso ed estorsione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Perquisita anche l’abitazione di Castelvetrano, residenza anagrafica del latitante Messina Denaro. Quindici persone sono accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi e favoreggiamento della latitanza del boss mafioso. Tra gli indagati c’è anche il boss latitante Matteo Messina Denaro: ricercato dal 1993, è indagato nell’ambito dello stesso procedimento penale per tentata estorsione. 

L’indagine, denominata ‘Ermes Fase 3’, «ha disvelato che i 15 indagati, membri o contigui dei mandamenti mafiosi di Mazara del vallo e di Castelvetrano, si sono adoperati per garantirne gli interessi economici, il controllo del territorio e delle attività produttive da parte dell’associazione e per aver favorito, in passato, la comunicazione riservata con il latitante Matteo Messina Denaro», dicono gli inquirenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Attentato in Congo, l’autopsia sulle salme di Attanasio e Iacovacci: uccisi in un conflitto a fuoco

L'ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci sono stati uccisi in un conflitto a fuoco nel corso di un tentativo di sequestro. Non...

Super Sud, un tuffo nella storia: secondo millennio, dalla lontana Scandinavia arrivano gli Altavilla

Al giro di boa fra il primo ed il secondo millennio, nell’Italia del Sud – ai confini, cioè, con l’impero ed i territori papalini...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook