Varchi (FdI): «Elezioni per sorteggio dei membri del Csm e separazione delle carriere, stop alle porte girevoli»

Sorteggio dei membri del Csm, stop al sistema delle porte girevoli all’interno della magistratura e separazione delle carriere tra giudici e pubblici ministeri: sono queste le proposte rilanciate ad “Agenzia Nova” da Carolina Varchi, Responsabile dipartimento Mezzogiorno e capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Giustizia alla Camera, intervenendo sullle polemiche degli ultimi giorni dopo la diffusione delle intercettazioni che vedono protagonista l’ex componente del Consiglio superiore della magistratura Luca Palamara, indagato per corruzione.

Pubblicità

«Quella all’interno del Csm ci sembra una situazione endemica», ha spiegato la parlamentare aggiungendo che «già nella passata legislatura sostenemmo il sorteggio quale rimedio possibile, quanto meno in via transitoria, per scegliere i componenti dell’organo di autogoverno dei giudici. Del resto, finora non abbiamo ancora visto e sentito da parte di questo governo – tranne qualche post su Facebook – una proposta concreta di riforma elettorale del Csm».

Ad avviso dell’esponente di FdI, «occorre, poi, un intervento che blocchi il meccanismo delle porte girevoli: chi fa politica non può più rientrare nella magistratura. A proposito sempre degli scandali che finiscono inevitabilmente per travolgere il Csm, bisogna eliminare l’unicum italiano dei magistrati fuori ruolo che occupano uffici ministeriali, in particolare quelli del dicastero della Giustizia a via Arenula. Via libera anche alla separazione delle carriere e ad un doppio Csm tra magistratura inquirente e giudicante».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Quanto all’aumento dei membri laici nel Consiglio superiore della magistratura, Varchi ha rilevato: «E’ una misura a cui posso guardare tendenzialmente con favore, ma non vorrei che distogliessimo l’attenzione generale: il tema, in questo momento, sono le correnti che sono diventate lo sfogo di una deriva carrieristica. La politica si concentri sui problemi veri. Le intercettazioni effettuate da una Procura, pubblicate in questi giorni da alcuni giornali, raccontano che le correnti servono a garantire il carrierismo. Segnalo», ha concluso la deputata di Fratelli d’Italia, «che questo l’ha detto Luca Poniz, dimettendosi dalla presidenza dell’Associazione nazionale magistrati».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Caso Balocco-Ferragni, per il giudice la campagna ha ingannato i consumatori

Il Tribunale civile di Torino ha accolto il ricorso presentato dalle associazioni di consumatori La campagna di comunicazione per il pandoro ‘Pink Christmas’, griffato dall’influencer...

La premier Giorgia Meloni sicura: «A giugno un’altra Unione Europea»

Per il presidente del Consiglio «Draghi per ora è filosofia» Il discorso di La Hulpe, pronunciato dall’ex presidente della Bce Mario Draghi martedì scorso, ha...