Federproprietà Napoli

«Taranto hotspot, non garantirebbe servizi minimi». Galantino, Lucaselli e Gemmato (FdI) interrogano il ministro Lamorgese

Pubblicità

«Apprendiamo che a Taranto è previsto l’arrivo di 70 migranti sbarcati a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, e provenienti dalla Tunisia. Una decisione del ministero dell’Interno che troviamo del tutto fuori luogo se si considera che nel porto di Taranto vi è già una nave da crociera che il 24 aprile scorso (ma a oggi è ancora al molo San Cataldo) si è fermata per un passeggero positivo al Covid-19 con conseguente quarantena per tutte le persone a bordo». Lo dichiarano i deputati pugliesi di Fratelli d’Italia Davide Galantino, Ylenja Lucaselli e Marcello Gemmato.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Quello di Taranto è considerato un hotspot, quindi un luogo adibito per Legge all’identificazione – nel caso dei 70 migranti, già avvenuta a Porto Empedocle -, che non garantisce i servizi minimi essenziali per l’ospitalità oltre le 48 ore. Presenteremo quindi in Parlamento un atto formale col quale chiederemo al ministro dell’Interno innanzitutto il motivo del trasferimento a Taranto, poi se è legittimo trasferire i migranti in un posto che non garantisce loro adeguati servizi ed ospitalità, se saranno effettuati tamponi per scongiurare casi di positività al Covid-19 e, soprattutto, per quanto tempo si è deciso farli restare lì» concludono i deputati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Schifone: «Il caos regna sovrano, servono risorse per la scuola!»

Il caos regna sovrano nel mondo della scuola ed è diventato il simbolo della impreparazione, della incompetenza e dell'egocentrismo istituzionale del nostro paese. Gli...

Napoli, rissa ai baretti di Chiaia: 30enne accoltellata alla gamba

Ferita una ragazza di Volla non coinvolta nella lite Scoppia una rissa, nella zona dei baretti di Napoli, in piena movida, ed una 30enne che...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook