Federproprietà Napoli

«Taranto hotspot, non garantirebbe servizi minimi». Galantino, Lucaselli e Gemmato (FdI) interrogano il ministro Lamorgese

Pubblicità

«Apprendiamo che a Taranto è previsto l’arrivo di 70 migranti sbarcati a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, e provenienti dalla Tunisia. Una decisione del ministero dell’Interno che troviamo del tutto fuori luogo se si considera che nel porto di Taranto vi è già una nave da crociera che il 24 aprile scorso (ma a oggi è ancora al molo San Cataldo) si è fermata per un passeggero positivo al Covid-19 con conseguente quarantena per tutte le persone a bordo». Lo dichiarano i deputati pugliesi di Fratelli d’Italia Davide Galantino, Ylenja Lucaselli e Marcello Gemmato.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Quello di Taranto è considerato un hotspot, quindi un luogo adibito per Legge all’identificazione – nel caso dei 70 migranti, già avvenuta a Porto Empedocle -, che non garantisce i servizi minimi essenziali per l’ospitalità oltre le 48 ore. Presenteremo quindi in Parlamento un atto formale col quale chiederemo al ministro dell’Interno innanzitutto il motivo del trasferimento a Taranto, poi se è legittimo trasferire i migranti in un posto che non garantisce loro adeguati servizi ed ospitalità, se saranno effettuati tamponi per scongiurare casi di positività al Covid-19 e, soprattutto, per quanto tempo si è deciso farli restare lì» concludono i deputati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, percettori del reddito di cittadinanza al servizio della comunità

Nasce a Secondigliano il primo servizio di portierato pubblico Disoccupati con reddito di cittadinanza al servizio della comunità locale. A Napoli, nel quartiere di Secondigliano,...

Qatargate, plenaria del Parlamento Europeo revoca immunità a Cozzolino e Tarabella

Nessuno dei due deputati si è opposto La plenaria del Parlamento Europeo ha votato oggi a Bruxelles in favore della rimozione dell’immunità degli eurodeputati Marc...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook