Giovane accoltellato dopo il veglione: negati i domiciliari agli indagati

Si attende a giorni la richiesta di rinvio a giudizio

E’ stato disposto il carcere per Nico Iannuzzi e Luca Sciarrillo, indagati per l’omicidio di Roberto Bembo avvenuto all’alba del primo gennaio scorso a Torrette di Mercogliano (Avellino).

Pubblicità

Il Tribunale del Riesame di Napoli ha accolto la richiesta del pubblico ministero della Procura di Avellino Vincenzo D’Onofrio che aveva impugnato l’attenuazione della misura cautelare i due, trasferiti ai domiciliari il 28 luglio scorso dal Gip del Tribunale di Avellino, Fabrizio Ciccone. Il difensore degli indagati, Gaetano Aufiero ha presentato ricorso in Cassazione. In attesa della pronuncia della Suprema Corte, Iannuzzi e Sciarrillo resteranno agli arresti domiciliari con l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico.

La decisione di attenuare la misura cautelare diede origine a proteste anche clamorose da parte degli amici del giovane ucciso a coltellate dopo una rissa avvenuta per motivi di parcheggio davanti ad un bar: l’ingresso del tribunale di Avellino venne tappezzato da striscioni con le scritte «Giustizia per Roberto», «Vergogna». Per quell’episodio due giovani sono stati iscritti nel registro degli indagati. Dopo l’avvenuta conclusione delle indagini, si attende a giorni la richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura dei due indagati.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

La premier Giorgia Meloni sicura: «A giugno un’altra Unione Europea»

Per il presidente del Consiglio «Draghi per ora è filosofia» Il discorso di La Hulpe, pronunciato dall’ex presidente della Bce Mario Draghi martedì scorso, ha...

Botte e spari dopo i battesimi, scene da far west ad Afragola: 5 feriti

Rissa a colpi di mazze da baseball e poi la sparatoria ad Afragola Mazzate e spari, scene da far west nel pieno centro di Afragola,...