Camorra, il pentito Tamburrino: Vincenzo Di Lauro scese a patti con Tina Rispoli

Il clan aveva bisogno di investire in magliette ed energy drink

Il clan Di Lauro aveva bisogno di liquidità. Tanti soldi. L’obiettivo era quello di investire in magliette e felpe con un marchio dal nome evocativo: ‘Corleone’. Ma anche in una bevanda energetica con la bottiglia a forma di proiettile e un altro marchio familiare per il ‘settore’, 9 mm, il calibro delle pistole dei sicari di camorra. E allora non importano le guerre e i morti in agguato. Fanno parte del passato.

Pubblicità

Quindi Vincenzo Di Lauro, boss del quartiere di Secondigliano, si rivolse a Tina Rispoli, moglie e vedova del fratello del suo nemico numero uno, Gennaro Marino, lo scissionista della faida del 2004, ucciso in un agguato sul litorale laziale nel 2015. Fu così che Di Lauro scese a patti con la donna, erede delle fortune del marito e con anche sue cospicue entrate dalle ‘puntate’ personali sulle partite di droga, e con il cantante neomelodico Tony Colombo, a lei legato prima da un debito di gioco nel 2014, come indicano diversi pentiti, poi nel 2019 da matrimonio.

A raccontarlo, Salvatore Tamburrino, ex braccio destro del boss ex superlatitante Marco Di Lauro e oggi collaboratore di giustizia. Nella misura cautelare per 27 indagati, tra cui l’attuale reggente della cosca Di Lauro, a firma di Luca della Ragione, la ricostruzione dell’affare.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Per quanto riguarda i rapporti di Di Lauro Vincenzo con i Marino, posso dire per esempio che il supermercato di Enzo aveva sede in un locale di Tina Rispoli al 50% la vedova di Marino Gaetano, e di Lino Pierro a cui paga l’affitto. Di Lauro voleva anche fare una società con Tina eventualmente sfruttando la visibilità mediatica di Colombo per sfruttare un marchio di abbigliamento a nome Corleone. Tina Rispoli tiene in mano i soldi del marito defunto Gaetano. Non so se Tina abbia fatto investimenti nel traffico di contrabbando di sigarette di Di Lauro ma so che lo ha senz’altro fatto Raffaele Rispoli, suo fratello», mette a verbale Tamburrino.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Strage familiare nel Palermitano, la 17enne confessa: ho partecipato anche io

Arrestata anche la figlia superstite La 17enne scampata al massacro della sua famiglia ha partecipato alle torture e all’omicidio della madre e dei due fratelli...

Camorra, il Riesame: «Tina Rispoli è dotata di intensa capacità criminale»

Tony Colombo e la moglie restano in carcere È dotata di «intensa capacità criminale» Tina Rispoli, vedova del boss Gaetano Marino e moglie del neomelodico...