Giorgia Meloni a Washington: Africa e Mediterraneo nell’incontro con Biden

La prima missione negli Usa in veste di presidente del Consiglio

Quella di oggi e domani sarà la prima missione a Washington di Giorgia Meloni in veste di presidente del Consiglio e la visita rappresenterà un’occasione importante per riaffermare il forte partenariato fra Italia e Stati Uniti. Fonti diplomatiche spiegano che verranno ribaditi i profondi legami fra i due Paesi, la solidità dell’alleanza transatlantica e verranno discussi i comuni interessi strategici, incluso l’impegno condiviso nel continuare a sostenere pienamente l’Ucraina di fronte all’aggressione della Russia. Italia e Usa continuano a lavorare per una pace giusta e duratura.

Pubblicità

L’incontro con il presidente Joe Biden alla Casa Bianca, previsto oggi alle 15 ora locale, le 21 in Italia, si terrà quindi pochi giorni dopo la Conferenza di Roma sulla migrazione e lo sviluppo, il vertice Fao e la firma dell’accordo Ue-Tunisia e permetterà di porre l’accento sull’attuale strategia italiana verso il Mediterraneo e l’Africa (il cosiddetto ‘Piano Mattei’), sull’intreccio di sfide e opportunità securitarie, migratorie ed energetiche al centro dell’attenzione italiana e dell’Unione europea.

La missione, osservano le stesse fonti, si svolge in una fase di ulteriore sviluppo della strategia dell’Amministrazione Biden tesa a riaffermare la leadership internazionale degli Usa nell’affrontare le sfide globali del XXI secolo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Le principali questioni internazionali

In particolare, al centro del colloquio con il presidente Joe Biden ci saranno le principali questioni internazionali, con la connessione ormai evidente tra le sfide poste nei diversi teatri globali e, rispetto ai grandi temi, in particolare: l’Euro-Atlantico, dove l’Italia è profondamente impegnata a fronteggiare l’aggressione all’Ucraina e le ripercussioni globali della guerra; l’Indo-Pacifico, area verso cui l’Italia è sempre più proiettata; il Sud globale, dove l’Italia intende garantire una forte attenzione all’Africa, che sarà al centro della prossima presidenza italiana del G7.

Meloni e Biden ribadiranno un partenariato a tutto campo, i profondi e duraturi legami tra le rispettive nazioni e il forte interesse a rafforzare ulteriormente il partenariato nei numerosi settori di interesse reciproco.

Sarà trattato anche il tema dei rapporti con la Cina, che è una delle questioni che si discutono ampiamente in ambito G7. Sul piano geopolitico, la Cina è diventata un interlocutore imprescindibile nelle relazioni internazionali e l’Italia, continuano le fonti, intende perseguire con la Cina un rapporto equilibrato e di dialogo responsabile. Il tema dell’Africa, al centro dell’attenzione italiana, rappresenterà il filo rosso della missione.

Dall’amministrazione Biden sono giunti segnali di apprezzamento per il ruolo dell’Italia su Africa e Medio Oriente. E’ un tema che l’Italia ha posto anche al vertice della Nato perché rientra in un unico grande disegno: la centralità mediterranea, l’attenzione sull’Africa, la questione delle risorse allo sviluppo e dell’attenzione anche alla stabilità come elemento di sicurezza, devono essere priorità che riguardano tutti gli alleati e i partner e che devono essere affrontate in tutte le sedi internazionali, sottolineano ancora le stesse fonti.

Leggi anche:  Bagnoli, firmata l'intesa per riqualificazione. Meloni: «Istituzioni decidono di mettere la faccia»

Il G7

Il prossimo anno l’Italia avrà fra l’altro la presidenza del G7 e le questioni del Mediterraneo, dell’Africa, delle migrazioni, dello sviluppo saranno fra i temi portanti. Il G7 2024 – su cui l’amministrazione Biden ha espresso apprezzamento – sarà uno dei principali temi sul tavolo dell’incontro. L’altra componente chiave di questa visita di lavoro sarà rappresentata dagli incontri di Meloni al Congresso per una conversazione bipartisan con la leadership della Camera dei Rappresentanti e del Senato.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Furto con la tecnica della ruota bucata, tre arresti

Agnano, sono di Forcella e dei Quartieri Spagnoli. Due sono i nipoti dell’ex garante dei detenuti Pietro Ioia Derubano un automobilista dopo avergli forato lo...

Scacco ai clan legati ai Mazzarella: eseguite 22 misure cautelari | VIDEO

Diciassette persone sono finite in carcere e 5 agli arresti domiciliari Diciassette persone sono finite in carcere, e cinque agli arresti domiciliari, nel corso di...