Spaccio itinerante con maggiorazione per il delivery: 6 arresti nel Casertano

In totale sono nove le persone indagate

Comunicavano tra loro tramite app come whatsapp e telegram e offrivano anche la possibilità di ricevere lo stupefacente direttamente a casa, con un sovrapprezzo di 5 euro. Un gruppo di pusher è stato scoperto nel Casertano dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Maddaloni, durante un’indagine coordinata dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, che ha portato questa mattina all’arresto di sei persone e tre obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria.

Pubblicità

Agli indagati sono stati contestati i reati di detenzione e cessione di cocaina, hashish, marijuana e crack, nei comuni di Maddaloni, Santa Maria a Vico e Caserta. L’indagine è stata svolta da febbraio a novembre 2021, attraverso servizi di osservazione e controllo, intercettazioni telefoniche e ambientali. Lo stupefacente era acquistato nell’hinterland napoletano e ai clienti abituali era praticato uno sconto.

Sono stati accertati 550 episodi di spaccio. Nelle conversazioni intercettate la merce era chiamato con termini convenzionali, «borsa», «chiave», «fotocopia», «benzina», «macchina grande», «macchina piccola». Il sodalizio disponeva di un numero elevato di telefoni cellulari e di molteplici schede telefoniche intestate, per lo più, a cittadini extracomunitari. E’ stato contestualmente effettuato il sequestro preventivo dei beni degli indagati.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Scontro tra scooter: muoiono due 17enni nel Beneventano

In ospedale un terzo ragazzo Scontro tra due scooter, morti due 17enni in provincia di Benevento. La tragedia è avvenuta la scorsa notte in via...

Plusvalenze e manovre stipendi, chiesto rinvio a giudizio per Agnelli e altri ex dirigenti Juve

Sono una decina gli indagati La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio degli ex vertici della Juventus nell’ambito dell’inchiesta sui conti della...