Qatargate, arrestata la comercialista di Panzeri: società per evitare contanti

Verso l’apertura di un’inchiesta autonoma anche a Milano

All’inizio del 2019 l’ex eurodeputato Antonio Panzeri «ha pensato che invece di prendere soldi ‘cash’, sarebbe stato preferibile creare una struttura giuridica» e «gestire così il flusso di denaro in modo legale» e per questo «si è rivolto alla sua commercialista, Monica Bellini». E’ la collaborazione dal carcere di Francesco Giorgi, che lavorava come assistente per l’ex europarlamentare socialista, che ha portato ad un nuovo arresto nell’inchiesta belga sul cosiddetto Qatargate.

Pubblicità

Mentre lo stesso Panzeri è pronto a «dire tutta la verità» e ha già incassato un patteggiamento (a un anno di reclusione), martedì sera il Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano e l’aliquota di polizia giudiziaria delle Fiamme Gialle hanno eseguito un mandato d’arresto europeo, emesso dall’ormai noto giudice Michel Claise, a carico della professionista, «consulente» della famiglia Panzeri, per associazione per delinquere, riciclaggio e corruzione.

Bellini, 55 anni, con studio ad Opera (Milano) e che tra le varie cariche risulta far parte dei collegi sindacali di aziende municipalizzate milanesi come Milanosport, Afol e Sogemi, è stata portata a San Vittore e nel pomeriggio, su decisione del giudice Roberto Arnaldi, è passata ai domiciliari. Attende ora l’udienza fissata per fine mese, davanti alla Corte d’Appello di Milano, che dovrà decidere sulla sua consegna al Belgio.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La commercialista, come si legge negli atti dell’arresto, «sembra aver svolto un ruolo importante nel rientro» dei soldi ‘cash’ provenienti «dal Qatar creando, insieme a Silvia Panzeri, figlia di Pier Antonio, una struttura di società che desse al flusso di denaro una veste legale».

Le dichiarazioni di Giorgi

A mettere a verbale questo fronte dell’indagine sulla ‘ripulitura’ delle mazzette che avrebbe versato l’Emirato e sulle movimentazioni finanziarie è stato proprio Giorgi, chiarendo che fu una scelta di Panzeri quella di rivolgersi a Bellini, che «tra l’altro è andata in Qatar» con lui «durante i Mondiali».

In Italia, ha spiegato il compagno dell’ex vicepresidente del Parlamento Europeo Eva Kaili (in carcere anche lei), «è stata creata una società di consulenza, la Equality, che ha fornito servizi per una società con sede in Inghilterra». E qua spuntano due personaggi.

«Fu il ‘palestinese’ – si legge – a suggerire di rivolgersi ad Hakan e alla sua società in Inghilterra, di cui non ricordo il nome. Trattandosi di una società inglese, dovevano essere preparati i documenti in inglese. Il mio coinvolgimento è stato quello di mettere in contatto Panzeri, la sua commercialista e sua figlia Silvia Panzeri (nessuno di loro parlava inglese) con Hakan e Silvia ha preparato le carte come avvocato». E ancora: «Ho anche contribuito alla creazione di Equality sulla base delle mie conoscenze linguistiche. Per giustificare l’utilizzo di una società italiana da parte di una società inglese, i servizi devono essere forniti in lingua inglese».

Leggi anche:  La premier Giorgia Meloni sicura: «A giugno un'altra Unione Europea»

L’accusa per Antonio Panzeri

Intanto, l’avvocato Marc Uyttendaele ha spiegato che Panzeri, accusato «di essere intervenuto politicamente, con persone che lavorano al Parlamento europeo, a favore del Qatar e del Marocco dietro compenso», come riportato negli atti d’accusa, è arrivato a firmare l’accordo di collaborazione con la procura belga «in stato di vero e proprio shock emotivo» ed è pronto a «dire tutta la verità e a contribuire all’efficacia dell’indagine». E’ a disposizione «degli inquirenti a tutte le ore del giorno e della notte» e «spera che non accada nulla di doloroso» alla figlia e alla moglie, ai domiciliari in attesa della decisione sulla loro consegna.

Con l’arresto di Bellini, intanto, si va verso l’apertura di un’inchiesta autonoma anche a Milano per profili di presunto riciclaggio (ci saranno riunioni di coordinamento tra investigatori e inquirenti). Mentre a Bruxelles l’eurodeputato Andrea Cozzolino, anche lui coinvolto nell’inchiesta, si è autosospeso dal gruppo dei Socialisti. E alla vigilia di un’altra udienza Kaili ripete di essere «innocente». Al suo posto come vicepresidente è stato eletto il socialista ed eurodeputato lussemburghese Marc Angel.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Colpì il compagno al volto e ne provocò la morte: 46enne condannata

Un anno fa la donna raccontò che aveva avuto un malore Al culmine di una lite scoppiata in strada e poi continuata in casa, colpì...

Operaio ucciso da un macchinario: aperto un fascicolo per omicidio colposo

Il 53enne deceduto al Cardarelli La Procura di Santa Maria Capua Vetere indaga per omicidio colposo su un infortunio mortale sul lavoro avvenuto l’11 aprile...