Uomo ucciso in auto a Napoli: era esponente di spicco dei Lo Russo

Secondo gli inquirenti da oltre un anno gestiva il clan

E’ Pasquale Angellotti, 54 anni, detto «Lino ‘o cecato», l’uomo trovato senza vita in una 500 nera in una traversa in via Liguria a Napoli, nel quartiere di Miano. Pluripregiudicato, era libero da quattro anni e per anni è stato il braccio destro dei fratelli boss Lo Russo.

Pubblicità

Angelotti era nella sua auto quando è stato affrontato dai sicari in una strada stretta del quartiere. Ha tentato di sfuggire all’agguato, come testimania la marcia da lui ingranata, ma non c’è riuscito. Almeno 9 i colpi sparati contro di lui, rompendo i vetri della 500. Diversi quelli andati a segno. Oltre ai rilievi della polizia Scientifica, agenti stanno anche acquisendo eventuali immagini da telecamere di videosorveglianza dell’area.

Secondo gli inquirenti da oltre un anno gestiva il clan, detto dei Capitoni e una volta egemone nel quartiere di Miano, come unico boss. Angellotti è stato imputato per il duplice omicidio di Salvatore Manzo e Giuseppe D’Amico, avvenuto nel giugno del 2004, e per l’omicidio di Raffaele Calcagno, nel comune di Ercolano. In entrambi i processi è stato poi assolto.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Strage in famiglia nel Palermitano, Kevin ha provato a difendersi con tutte le sue forze

Il 16enne ucciso durante un folle esorcismo Ha tentato di difendersi Kevin Barreca, il 16enne ucciso, durante un folle esorcismo dal padre, dalla sorella e...

Uccide la moglie e i 2 figli: i fratellini torturati, picchiati e soffocati

Nella villetta le prove del supplizio È fissata per oggi, nel carcere di Pagliarelli di Palermo, l’udienza di convalida dei fermi di Giovanni Barreca, accusato...