Federproprietà Napoli

Uomo ucciso in auto a Napoli: era esponente di spicco dei Lo Russo

Pubblicità

Secondo gli inquirenti da oltre un anno gestiva il clan

E’ Pasquale Angellotti, 54 anni, detto «Lino ‘o cecato», l’uomo trovato senza vita in una 500 nera in una traversa in via Liguria a Napoli, nel quartiere di Miano. Pluripregiudicato, era libero da quattro anni e per anni è stato il braccio destro dei fratelli boss Lo Russo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Angelotti era nella sua auto quando è stato affrontato dai sicari in una strada stretta del quartiere. Ha tentato di sfuggire all’agguato, come testimania la marcia da lui ingranata, ma non c’è riuscito. Almeno 9 i colpi sparati contro di lui, rompendo i vetri della 500. Diversi quelli andati a segno. Oltre ai rilievi della polizia Scientifica, agenti stanno anche acquisendo eventuali immagini da telecamere di videosorveglianza dell’area.

Secondo gli inquirenti da oltre un anno gestiva il clan, detto dei Capitoni e una volta egemone nel quartiere di Miano, come unico boss. Angellotti è stato imputato per il duplice omicidio di Salvatore Manzo e Giuseppe D’Amico, avvenuto nel giugno del 2004, e per l’omicidio di Raffaele Calcagno, nel comune di Ercolano. In entrambi i processi è stato poi assolto.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Disastro Eav: ancora un treno della Circumvesuviana fuori dai binari

Collegamento interrotto tra Castellammare di Stabia e Vico Equense E’ ancora interrotto il collegamento ferroviario tra Castellammare di Stabia e Vico Equense, in provincia di...

Intercettazioni, Delmastro: «Basta abusi, sanzioni anche a giornali»

Il sottosegretario: «L'intenzione non è quella di togliere ai pm uno strumento fondamentare per le indagini» «Non c’è ancora un progetto di legge in cantiere,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook