Federproprietà Napoli

Sparatoria tra rapinatori e polizia: terrore nell’Avellinese

Pubblicità

Vivo per miracolo un pensionato di 74 anni

Sparatoria e minuti di terrore, stamattina poco dopo le otto, a Montoro, in provincia di Avellino. Un conflitto a fuoco tra polizia e rapinatori ha provocato il panico tra i passanti, mamme che stavano accompagnando i figli all’asilo comunale, le persone che si stavano recando al vicino mercato settimanale. Oltre trenta i colpi esplosi in via Ambrosoli.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I quattro rapinatori, che indossavano il passamontagna, sono stati intercettati prima di fare irruzione nella sede dell’ufficio postale, obiettivo del colpo. All’intimazione degli agenti di arrendersi hanno risposto facendo fuoco con pistole e mitra. Nella sparatoria uno dei quattro rapinatori, un 51enne del napoletano è rimasto ferito da due colpi, uno dei quali alla regione cervicale ed è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Avellino, dove è giunto in codice rosso. Tutti i rapinatori, residenti in provincia di Napoli e con precedenti penali, sono stati arrestati.

Vivo per miracolo un pensionato di 74 anni. Colpi vaganti hanno raggiunto la sua abitazione al primo piano mentre era in cucina a preparare il caffè: è stato sfiorato al collo da un colpo di rimbalzo, rimediando per fortuna soltanto una lieve ferita di striscio. E’ stato medicato senza la necessità di far ricorso al ricovero ospedaliero.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Il Palazzo Reale di Napoli apre ai visitatori l’Androne delle Carrozze

L'inaugurazione con una mostra documentaria Con la mostra documentaria «Palazzo Reale: danni di guerra e restauri. Una storia per immagini dal 1943 agli anni Cinquanta»,...

Napoli, Spalletti: «Avanti un passo alla volta senza distrazioni»

Il tecnico azzurro: «Vantaggio in classifica è stato costruito da ragazzi intelligenti» «Questo Napoli è un ciclista che sa di doversi confrontare con ciclisti altrettanto...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook