Federproprietà Napoli

Estorsioni e armi, nuovi arresti contro il clan Mallardo: fermate 3 persone

Pubblicità

«Pizzo» ai danni di imprenditori edili, concessionari di auto e ristoratori

Sono ritenuti esponenti di rilievo del clan Mallardo, componente dell’Alleanza di Secondigliano, Angelo Pirozzi, 46 anni, e Biagio Vallefuoco, 54 anni, arrestati dai carabinieri di Giugliano in Campania (Napoli) insieme con Antonio Russo, 53 anni, nell’ambito delle indagini che lo scorso 8 giugno hanno portato all’esecuzione di un provvedimento di fermo emesso dalla DDA, nei confronti di nove persone accusate di estorsione, consumata o tentata, detenzione e porto illegale di armi comuni di sparo, aggravati dalle finalità e modalità mafiose.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Le richieste di «pizzo», è emerso dalle indagini, sono state perpetrate ai danni di imprenditori edili, concessionari di auto e ristoratori della zona a nord di Napoli. La banda di malfattori, che obbligava i commercianti della zona a conferire gli oli esausti a determinate ditte, era anche dedita alla riscossione e al recupero dei crediti.

Infine aveva un’ampia disponibilità di armi. Sono quindici, complessivamente, gli episodi criminali contestati dagli inquirenti dagli indagati. Durante le attività investigative è stata anche riscontrata dagli inquirenti la volontà di alcuni degli indagati di porre in essere azioni intimidatorie nei confronti dei carabinieri.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Casavatore, picchiato per aver rimproverato gli alunni: identificati i presunti aggressori

Uno dei due è il padre di un alunno del docente I carabinieri hanno identificato due 35enni che avrebbero aggredito il docente dell’istituto comprensivo statale...

‘Ndragheta, estradato il boss Rocco Morabito: dovrà scontare 30 anni

È considerato uno dei più importanti trafficanti internazionali di droga al mondo Il boss della 'ndrangheta Rocco Morabito, 56 anni, considerato uno dei più importanti...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook