Federproprietà Napoli

Estorsioni ed armi, ancora arresti nel clan Mallardo: 9 arresti tra boss e gregari

Pubblicità

Tra loro c’è anche Michele Di Nardo di recente scarcerato

Nelle prime ore di questa mattina, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Giugliano in Campania hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, a carico di 9 persone accusate, a vario titolo, di estorsione, consumata o tentata, detenzione e porto illegale di armi comuni di sparo, aggravati dalle finalità e modalità mafiose.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Le indagini hanno permesso di dimostrare la piena operatività del clan camorristico “Mallardo”, attivo nella città di Giugliano in Campania e facente parte dell’Alleanza di Secondigliano, cartello che aggrega i gruppi criminali insediati in un’ampia porzione del territorio metropolitano di Napoli.

In particolare, le approfondite fasi investigative hanno consentito di evidenziare la presenza di un’articolazione del sodalizio criminale operativa specificatamente sulla fascia costiera della cittadina, in possesso di armi comuni da sparo e dedita, principalmente, alle estorsioni ai danni di imprenditori edili, concessionari di auto, ristoratori, nonché all’imposizione nel conferimento degli oli esausti ai commercianti della zona e all’attività di riscossione e recupero dei crediti.

Sono 15 gli episodi contestati e tra gli arrestati figura anche Michele Di Nardo, considerato esponente di rilievo del clan e di recente scarcerato. Durante le attività di investigazione è emersa la volontà di alcuni degli indagati di porre in essere azioni intimidatorie nei confronti dei carabinieri impegnati nelle indagini.

I fermati

  1. AGALBATO Ciro, 58 anni
  2. BARBATO Davide, 55 anni
  3. COMITE Oreste, 65 anni
  4. D’ALTERIO Salvatore, 54 anni
  5. DI NARDO Michele, 43 anni
  6. LA PIGNOLA Vincenzo, 47 anni
  7. MAIONE Carmine, 38 anni
  8. MALLARDO Antonio, 34 anni
  9. SEGUINO Antonio, 62 anni
Leggi anche:  Pnrr, il Governo all'Unione europea: «Più margini di flessibilità nell’attuazione»
Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

La Consulta ha affermato la costituzionalità dell’art. 41 bis

Il caso di Alfredo Cospito non può diventare l’eccezione che rischierebbe di rendere ingiusto il diritto Se perdiamo di vista il metodo rischiamo solo di...

L’incredile avventura Mixed by Erry: il nuovo film di Sydney Sibilia

Da un basso napoletano l'ascesa e la caduta di Enrico Frattasio Una storia di passione e sogni che da un basso di Napoli diventa un’incredibile...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook