Federproprietà Napoli

Mps, Caiata (FdI): «Piano industriale metta al riparo lavoratori e correntisti»

Pubblicità

Per l’onorevole «non è tollerabile un risanamento che parta dal taglio dell’occupazione in maniera del tutto indiscriminata»

«Il Monte dei Paschi di Siena, nella presentazione del nuovo piano industriale, ha comunicato un aumento del capitale da 2,5 miliardi e 4 mila uscite che comporteranno la chiusura di circa 150 filiali. Per la più antica banca del mondo non è tollerabile un risanamento che parta dal taglio dell’occupazione in maniera del tutto indiscriminata». Lo dichiara, in una nota, il deputato di Fratelli d’Italia Salvatore Caiata, componente della commissione Attività Produttive della Camera.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Chi ha l’arduo compito di traghettare verso nuove sponde il futuro di MPS – continua -, deve impegnarsi per tutelare anche quanti hanno prestato la propria opera al suo interno in un territorio già di per sé mortificato da una certa politica di sinistra che lo ha letteralmente saccheggiato. Il nuovo piano industriale deve essere di rilancio, di prospettiva e di garanzia sul risanamento e ricapitalizzazione, oltre che del mantenimento del marchio senza inutili svendite».

«La presentazione del piano ai mercati è sicuramente un segnale positivo ma si può e si deve fare di più per mettere al riparo lavoratori e correntisti, anche attraverso il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali», conclude.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Campania, De Luca: «Coprifuoco contro il randagismo. Misure ritardate, Governo si assumerà responsabilità»

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, attacca il Governo ed esprime  perplessità riguardo al Dpcm firmato questa notte dal presidente del Consiglio Giuseppe...

Caccia al palladio, cambia la tecnica e aumentano i furti

Cento euro a colpo per i ladri: a Napoli fermato un 31enne Aumentano i furti di marmitte di automobili a Napoli: un nuovo trend che...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook