Federproprietà Napoli

Lavoro, Fratelli d’Italia: «Ripartire da cultura, sicurezza e scuola»

Pubblicità

I deputati: «Tre pilastri su cui può e deve fondarsi l’esistenza di ogni individuo»

«Non c’è Festa dei Lavoratori in cui non vengano ricordate le vittime, gli infortuni, di un settore che arranca tra necessaria ripresa, dopo il fermo dovuto alla pandemia, e il mettersi al passo con misure di sicurezza adeguate alla crescita dei rischi. Il 1° maggio è appena trascorso, e anche quest’anno l’elenco dei lavoratori vittime di incidenti, mortali e non, è lungo e riconducibile a una sola causa: la mancanza di sicurezza sul posto di lavoro». Lo dicono Ella Bucalo e Paola Frassinetti, deputati di Fratelli d’Italia e rispettivamente responsabili del Dipartimento Scuola e Istruzione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Una carenza cronica, questa, a cui negli anni non si è riusciti a dare una soluzione. Anzi, è addirittura aumentata. Per mancanza di programmazione, visto che non ci si concentra sull’obiettivo di realizzare e diffondere la cultura della sicurezza e della prevenzione sul lavoro. Tre le basi da cui partire, Cultura, Sicurezza e Lavoro. Sono tre fondamenti della nostra società e della nostra civiltà. Tre pilastri su cui può e deve fondarsi l’esistenza di ogni individuo e la scuola rappresenta il luogo naturale dove introdurre i primi elementi di cultura della sicurezza» sottolineano.

«E’ dalla scuola che deve partire la coscienza della responsabilità sia dell’essere, in divenire, un datore di lavoro che dell’essere un dipendente. E’ a scuola che si deve imparare la tutela della propria incolumità ma anche di quella altrui, e l’individuazione di strumenti necessari al contrasto degli infortuni sul lavoro. Non possiamo limitarci al fugace cordoglio scaturito dalla lettura su un quotidiano dell’ennesima morte di un operaio schiacciato da un macchinario o precipitato da un’impalcatura. Paradossalmente, per andare oltre, occorre andare a ritroso, cioè a scuola, prima fonte di conoscenza», concludono.

Leggi anche:  Governo, Meloni: «Serve riforma delle intercettazioni ma niente scontri»

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Estorsione, arrestati il boss e il nipote del capoclan: «Siamo quelli che comandano»

Imprenditore edile costretto a versare ben 80mila euro «Hai iniziato i lavori senza la nostra autotrizzazione, siamo quelli che comandano a Marano». Sono andati di...

Mafia, i ‘pizzini’ di Matteo Messina Denaro a Bernardo Provenzano: «Io appartengo a lei»

I messaggi scritti tra il 2003 e il 2006 «Io appartengo a lei, per come d’altronde è sempre stato, io ho sempre una via che...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook