Federproprietà Napoli

Bambina precipitata dal terzo piano: la madre accusata di averla gettata dalla finestra

Pubblicità

Le sue condizioni «stabili e soddisfacenti»

Risultano «stabili e soddisfacenti», anche se è ancora in «prognosi riservata», le condizioni della bimba di 4 anni ricoverata in Rianimazione pediatrica al Salesi di Ancona per politrauma da precipitazione. Lo comunicano gli Ospedali Riuniti di Ancona. La piccina era stata trovata a terra ferita, nel pomeriggio del primo maggio, dopo essere precipitata dalla finestra di casa al terzo piano di un palazzo in via Foscolo a Macerata.

Pubblicità Federproprietà Napoli

In seguito è stata fermata la madre 40enne, ora piantonata in Psichiatria, accusata di aver gettato la figlia dalla finestra. «La bambina – fa sapere l’azienda ospedaliero universitaria – è stata sottoposta a riduzione e sintesi delle fratture agli arti in anestesia generale e, al termine della procedura chirurgica, è stata estubata e mantiene il respiro spontaneo con un supporto non invasivo (cannule nasali ad alti flussi)».

«Attualmente non risultano più apprezzabili le piccole falde di pneumotorace evidenziate all’ingresso in Rianimazione». Ora la bimba, «sottoposta ad analgosedazione per il controllo del dolore postoperatorio, è facilmente risvegliabile e interagisce con il padre». E «al momento le condizioni cliniche risultano stabili e soddisfacenti».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Veneziani e la sua scontentezza che… «è sfuggita di mano e si è fatta malcontento»

A lungo il potere ha puntato sulla rassegnazione poi è passato a veicolare l’insoddisfazione permanente L’ultima operativa filosofica di Marcello Veneziani si concentra e riferisce...

Un boss, mille identità: nel covo di Matteo Messina Denaro scoperte altre generalità

I carabinieri hanno diffuso le immagini girate nel covo di vicolo san Vito Il boss Matteo Messina Denaro negli anni avrebbe utilizzato le generalità di...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook