Federproprietà Napoli

Terra dei Fuochi: don Patriciello, ad Acerra negato scempio

Pubblicità

“Evidentemente Caivano non è un comune italiano”

“Incredibile. Ad Acerra, ancora una volta, si è negato lo scempio della ” Terra dei fuochi”. Solo nella mia parrocchia – Parco Verde in Caivano – in un solo mese sono morti di cancro 2 mamme e 2 papà . Nessuno di loro arrivava a 50 anni. Il Signore abbia pietà  di noi”. Lo scrive sui social padre Maurizio Patriciello.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il sacerdote ha criticato anche quanto detto dal presidente della Giunta regionale della Campania. “L’onorevole Vincenzo De Luca, ieri ha detto che la nostra regione è la più monitorata d’ Italia. Evidentemente Caivano non è un comune italiano. A tutt’oggi nemmeno una sola telecamera può riprendere delinquenti e camorristi che minacciano le nostre vite”, ha aggiunto don Patriciello.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Corruzione, ai domiciliari il sindaco di Eboli Cariello. Era appena stato rieletto

I finanzieri del comando provinciale di Salerno hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti del sindaco di Eboli (Salerno), Massimo Cariello. Il primo...

Crisi, Conte: «Serve governo politico solido, no tecnici». E annuncia la volontà di continuare

«Ieri ho incontrato il presidente incaricato Mario Draghi. E’ stato un colloquio lungo, molto aperto, al termine del quale gli ho fatto gli auguri...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook