Caivano, don Maurizio Patriciello: «Se avessi voluto una vita comoda non avrei fatto il prete»

Il parroco: «Io, poco fa, ho firmato il mio testamento»

«Io, poco fa, ho firmato il mio testamento». Lo ha reso noto don Maurizio Patriciello, il parroco di Caivano, davanti alla cui chiesa è stato fatto esplodere un ordigno nella notte tra sabato e domenica, nel corso dell’intervista rilasciata durante il programma ‘Studio Mattina’ di Canale 9.

Pubblicità

Al giornalista Marco Caiano e alla conduttrice Barbara Petrillo, il sacerdote ha spiegato: «vi confido una cosa, ho poco fa firmato il mio testamento. Abbiamo messo tutto in conto quando siamo diventati sacerdoti, continuo per la mia strada. Alcuni camorristi pensano che dovrei limitarmi a celebrare messa e benedire i loro figli quando vengono uccisi. Non è così, continuo il mio percorso mentre da queste parti continuano le ‘stese’ di giovani pistoleri che terrorizzano i residenti a colpi di kalashnikov. Per quanto mi riguarda, se avessi voluto una vita comoda non avrei fatto il prete. Sono solo un povero parroco che annuncia il Vangelo».

Grande è stata la solidarietà dei cittadini e delle istituzioni. Ieri anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto manifestare la sua solidarietà con una telefonata: «Se il Presidente Mattarella si è scomodato per chiamare me, di domenica, vuole dire che la cosa evidentemente preoccupa anche lui e gli inquirenti», ha concluso don Maurizio.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Camorra, fermato il figlio di «Sandokan» Emanuele Libero Schiavone

In manette anche un altro elemento di spicco della criminalità organizzata casalese Dopo gli spari nei pressi del municipio di Casal di Principe, in provincia...

Ragazzo accoltellato al torace nel Napoletano: in pericolo di vita

È accaduto questa notte, poco prima dell'una È in pericolo di vita il ventenne che poco prima dell’una di oggi è stato colpito al torace...