Federproprietà Napoli

La morte del piccolo Samuele, Cannio capace di intendere: chiesto il rito immediato

Pubblicità

Il bimbo di 4 anni lasciato cadere nel vuoto

E’ stato ritenuto capace di intendere e volere al momento del fatto e quindi può sostenere il giudizio Mariano Cannio, il domestico di 38 anni accusato della morte del piccolo Samuele, il bimbo di 4 anni lasciato cadere nel vuoto, dal balcone della casa dove il bimbo abitava con i genitori, lo scorso 17 settembre, a Napoli. I sostituti procuratori Vincenza Marra e Barbara Aprea hanno chiesto per Cannio un processo con il rito immediato.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La decisione della Procura di Napoli giunge a seguito dell’esito dell’incidente probatorio disposto per accertare lo stato di salute mentale di Cannio. Gli accertamenti si sono svolti lo scorso novembre nel corso di due visite in carcere alle quali hanno preso parte il perito nominato dal giudice e i due consulenti di parte designati dagli avvocati Domenico De Rosa, legale dei genitori del piccolo, e Mariassunta Zotti, difensore del 38enne.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Dopo l’Ucraina, indifferibile la costituzione della Federazione degli Stati d’Europa

L'intollerabile atto di prevaricazione nei confronti di un Paese sovrano Tutte le dotte motivazioni di Putin e dei suoi estimatori, anche in Italia, sono ipocriti...

Scuole guida e nautiche al Mit. Colangelo (Confarca): «Siamo fiduciosi, possibile riapertura già il 18»

«L’intermediazione diretta del premier Conte con il comitato tecnico scientifico per permettere alle autoscuole e alle scuole nautiche di ripartire poiché le loro attività...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook