Federproprietà Napoli

Castellammare di Stabia, bimbo morto per virus sinciziale: undici indagati

Pubblicità

Sotto indagine medici e sanitari che hanno tenuto in cura il piccolo che è spirato lunedì scorso dopo tre giorni di ricovero

Sul caso del bimbo di soli 5 mesi morto a causa del virus respiratorio sinciziale ci sono undici indagati tra medici e sanitari che hanno tenuto in cura il neonato. La svolta sul decesso del piccolo originario di Pimonte (Napoli) arriva dalla Procura di Torre Annunziata (pubblico ministero Marianna Ricci). Del caso riferiscono oggi alcuni organi di informazione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Tra i sanitari finiti nel registro degli indagati in attesa del conferimento dell’incarico per effettuare l’autopsia sul corpo del bambino (con ogni probabilità l’incarico sarà dato lunedì, mentre il giorno seguente potrebbe svolgersi l’esame autoptico) ci sono il medico pediatra che seguiva il piccolo, i sanitari che per primi hanno visitato il neonato quando i genitori lo portarono al Santobono (in quella circostanza non fu ritenuto necessario il ricovero) e quelli del San Leonardo, dove il bimbo di 5 mesi fu condotto dopo un aggravamento delle condizioni e dove è spirato lunedì scorso, a tre giorni dal ricovero avvenuto venerdì 5 novembre.

Intanto cresce l’allarme sul virus sinciziale nella zona di Castellammare di Stabia, dove un altro bambino è ricoverato nel locale ospedale a causa delle difficoltà respiratorie.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Conte non trova l’accordo sul dl Agosto, ennesima approvazione ‘salvo intese’

Salvo intese, tecniche. Non sono bastati giorni di riunioni, il rischio di uno sciopero generale minacciato dai sindacati, e nemmeno due giorni di trattative...

Nuovo incidente sul lavoro, 78enne muore travolto da un mezzo agricolo

La tragedia è avvenuta poco dopo le 20 Non si fermano le cosiddette morti bianche, una strage perpetua e silenziosa che continua a mietere vittime....

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook