Federproprietà Napoli

Abusi sessuali su di una bambina: in manette due giovani nel Napoletano

Pubblicità

Un uomo e una donna sono accusati, dalla Procura oplontina, di atti sessuali con minorenne e sono stati posti ai domiciliari

Avrebbero abusato di una bambina: per questo motivo due giovani, un uomo di 27 e una donna di 21, imparentati con la famiglia della piccola, sono stati arrestati.
Determinante per le indagini sarebbero risultate le «indicazioni» fornite dalla piccola alla madre, che aveva notato strani atteggiamenti della bambina.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Ad eseguire la misura applicativa della misura cautelare agli arresti domiciliari nei confronti dei due, emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata (Napoli) su richiesta della Procura oplontina, coordinata dal procuratore Nunzio Fragliasso, sono stati i carabinieri della stazione di Boscoreale. Sono accusati di atti sessuali con minorenne.

«Della vicenda – spiega in una nota il procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso – venivano a conoscenza gli organi inquirenti, nell’ambito di un’indagine condotta da altra autorità giudiziaria. Stante l’estrema gravità della “notitia criminis”, veniva tempestivamente avviata un’intensa attività investigativa, anche attraverso lo svolgimento di intercettazioni, che consentiva di acquisire specifici riscontri all’ipotesi investigativa, anche attraverso il racconto, del tutto genuino, fornito dalla bambina alla propria madre e ad una psicoterapeuta, alle quali aveva riferito il ‘gioco’, in realtà a forte connotazione sessuale, condotto dagli odierni arrestati all’interno delle mura domestiche».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Casertavecchia. Si può realizzare una discarica a pochi metri della chiesetta di San Rocco?

Il Partito Democratico casertano con i sostenitori laici del "Marino bis", dovrebbero spiegarci com’è possibile, anche con autorizzazioni valide e parziali, realizzare l’accatastamento di...

Uomo dato alle fiamme, il legale dell’indagato: «Impianto accusatorio debole ed evanescente»

L'uomo ha respinto tutte le accuse «Un impianto accusatorio debole ed evanescente, eppure al mio assistito è stata negata la libertà personale». A parlare è...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook