Torre Annunziata, militari setacciano il centro storico: rimosse sedie e catene. Due arresti per droga | FOTO

Una coppia di coniugi è stata arrestata perché nella loro abitazione sono stati rinvenute sostanze stupefacenti

Servizio alto impatto all’insegna della repressione ma soprattutto della tutela della legalità e del rispetto della libertà altrui. I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata – nell’ambito dei servizi disposto dal comando provinciale di Napoli – hanno setacciato il cosidetto Quadrilatero delle carceri e il rione Murattiano. Ai controlli hanno preso parte anche gli agenti della polizia locale.

Pubblicità

Sono stati rimossi sedie, tavoli, catene e pali di ferro utilizzati per occupare abusivamente parcheggi in strada. Veri e propri ostacoli posizionati ad hoc per sancire con prepotenza la proprietà di un posto auto sul suolo pubblico. 21 le sanzioni amministrative elevate per violazione del codice della strada e del regolamento di polizia urbana.

Durante il servizio a largo raggio non sono mancati gli arresti. In manette per detenzione di droga un 35enne del posto e la sua consorte incensurata di 34 anni. I militari hanno fatto ‘visita’ all’abitazione dei due dove l’uomo stava scontando gli arresti domiciliari. 113 i grammi di marijuana rinvenuti e sequestrati dai Carabinieri. La droga era in due buste che la 34enne ha tentato di nascondere mettendosele in tasca. Inoltre sono 96 le persone identificate e 58 i veicoli controllati. 3 gli assuntori di sostanza stupefacente segnalati alla prefettura.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Sequestrati 33 kg di marijuana: erano nascosti tra i rovi nel Napoletano

Indagini per scoprire i proprietari Questa mattina, nel Napoletano, i carabinieri hanno effettuato un approfondito sopralluogo a via San Giorgio a Casola di Napoli. L'area...

Acerra, il consiglio comunale a sostegno degli agricoltori

Misure a favore della categoria votate all’unanimità dei presenti Il consiglio comunale a fianco degli agricoltori locali. È quanto emerso nel corso dell’Assise di questa...