Federproprietà Napoli

Cartelle esattoriali, Calandrini (FdI): «Basta incertezze, si valutino le nostre proposte»

Pubblicità

«La pace fiscale promessa dal governo in realtà non esiste: lo dimostra la scadenza della sospensione delle cartelle esattoriali al 30 aprile, che rischia di non essere rinnovata. Questo vuol dire che dai prossimi giorni l’Agenzia delle Entrate potrà notificare ben 35 milioni di avvisi di pagamento ai contribuenti».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Lo dichiara il senatore Nicola Calandrini, capogruppo di Fratelli d’Italia nella V Commissione Bilancio

«Come Fratelli d’Italia – sottolinea Calandrini – non solo siamo preoccupati dalla fine della sospensione, ma anche dal fatto che governo e maggioranza non hanno una strategia per uscire da questo stallo. Nel DL Sostegni abbiamo fatto proposte chiare: ristrutturazione del debito e pagamento rateizzato, così che il contribuente saldi la sua posizione con il Fisco e lo stato benefici delle entrate, o anche slittamento dei pagamenti al 2022».

«Governo e maggioranza, invece, continuano a far vivere i contribuenti in questa perenne incertezza, con le notifiche sempre pronte a ripartire da un momento all’altro. Basta incertezze: serve una soluzione al problema – conclude Calandrini – che non può più limitarsi alle sola proroga. Fratelli d’Italia ha avanzato le sue idee, ci auguriamo che siano valutate senza chiusure ideologiche».

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Recovery, De Luca chiama a raccolta le Regioni del Sud: «Preparano un nuovo furto»

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha organizzato una riunione tra i governatori delle regioni del Sud per parlare di Recovery Fund...

Quarto trimestre 2020, la pressione fiscale sale al 52%. Cala il reddito delle famiglie

Un grido d’allarme si alza dalle associazioni di consumatori alla lettura dei dati dell’Istituto di Statica Nazionale sull’andamento dei redditi delle famiglie italiane. Secondo...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter