Federproprietà Napoli

Agrigento, vandalizzata la casa natale di Luigi Pirandello

Pubblicità

Atti vandalici ad Agrigento nella casa natale di Luigi Pirandello, autore di “Il Fu Mattia Pascal”, “Uno, nessuno e centomila”, “Ciaula scopre la luna” e “La giara”.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Ricordato per le sue opere drammaturghe e per il Premio Nobel per la Letteratura, il poeta siciliano è nato ad Agrigento nel 1867 nella località Caos di Agrigento, dove la notte scorsa, alcuni ignoti si sono introdotti e hanno imbrattato le pareti accanto al cancello con delle bombolette spray con i quali sarebbero stati fatti dei disegni, all’apparenza senza alcun significato.

Sulla pavimentazione a ridosso del cancello d’ingresso, invece, è stata lasciata la scritta “Dome” con accanto della vernice bianca versata appositamente. Non è stata risparmiata nemmeno la targa in alluminio che indica il sito, divenuto ormai una meta turistica. A fare la scoperta di quanto accaduto, i due custodi che hanno prontamente avvertito la polizia.

Sono ancora in corso gli accertamenti da parte dei poliziotti della sezione Volanti coordinati dalla Procura della Repubblica di Agrigento. Dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza si cercherà di risalire agli autori, approfittando del coprifuoco per l’emergenza Covid e delle strade completamente deserte, che hanno compiuto il raid vandalico.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Fondi Ue, Manfredi: «Recovery Fund per rilanciare Ricerca e Università»

«Il nostro obiettivo è di rilanciare ricerca e università attraverso il Recovery Fund promuovendo un piano di investimenti e riforme che favorisca l’ingresso di...

Crisi di Governo. Solo Sciascia e Pasolini avrebbero potuto spiegarci il Conte fatuo

Ha dilapidato, fin’adesso, 160 miliardi di euro utilizzati con l’approvazione di scostamenti di bilancio ottenuti con il consenso di tutte le rappresentanze parlamentari, senza...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter