Federproprietà Napoli

Maradona, il medico personale indagato per omicidio colposo

Pubblicità

Il medico personale di Diego Armando Maradona è indagato per omicidio colposo. E’ quanto si apprende da un artico de La Nacion. Secondo il giornale la giustizia argentina ha avviato un’indagine su Leopoldo Luque, ordinando la perquisizione della casa e dell’ambulatorio del dottore. Il sospetto è che al campione non siano state fornite cure adeguate e Luque è il primo indagato.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Secondo le fonti del quotidiano «in virtù delle prove che si stanno accumulando è stata decisa la perquisizione. Se verranno confermate le irregolarità nel ricovero domestico di Maradona, si potrebbe configurare il reato di omicidio colposo». Le perquisizioni sono state ordinate dal procuratore di Benavidez Laura Capra e dai giudici e dai procuratori aggiunti di San Isidro, Patricio Ferrari e Cosme Irribaren.

L’indagine mira a individuare elementi per determinare se il medico fosse responsabile delle cure prestate a Maradona dopo l’intervento che l’ex calciatore aveva subìto all’inizio del mese per la rimozione di un ematoma subdurale. Luque mercoledì non era nella casa del barrio San Andres dove Maradona è deceduto. Il medico, però, avrebbe chiesto l’intervento di un’ambulanza con una telefonata alle 12.16.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Editoria | “Mi piace un pacco!”. L’iniziativa ‘antistress’ per comprare o regalare libri

Nuova interessante initiziativa editoriale lanciata a Napoli per combattere la crisi dell'editoria e ridurre i contraccolpi dell'emergenza Covid-19 sul commercio. In un clima di...

Campania. Gioventù Nazionale e Fratelli d’Italia in piazza per la manifestazione ‘Liberi dalla droga, mai schiavi’

«Il 26 giugno ricorre la giornata mondiale del contrasto alle droghe. L'attività politica di Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale è sempre stata caratterizzata dal...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook