Torre Annunziata, ‘La paranza delle idee’ ricorda Raffaele Pastore e il sisma dell’Irpinia

La paranza delle idee ricorda, a ventiquattro anni dal suo omicidio per mano della camorra, Raffaele Pastore e lo fa con un comunicato nel quale l’Associazione politico culturale oplontina spende parole sentite anche per un’altra triste ricorrenza che cade oggi: il quarantennale del sisma dell’Irpinia. L’incrocio di date è un pretesto per una riflessione sul fenomeno criminale a Torre Annunziata e su alcune delle pagine più buie vissute dalla città.

Pubblicità

Ecco quanto si legge nella nota: Il 23 novembre del 1996 a Torre Annunziata la camorra assassinò il commerciante Raffaele Pastore, che pagò col sangue il suo coraggio nel denunciare le richieste estorsive ricevute. In questa data (che, non a caso, dal 2015 nel nostro Comune è dedicata alla memoria delle vittime innocenti della criminalità) un sentito ricordo va a lui e a tutti gli incolpevoli caduti sul nostro territorio per mano di quella tremenda piaga sociale che è la camorra».

«Un cancro dal quale, lo dimostra il recente folle attentato avvenuto a Rovigliano, non siamo ancora guariti. Che la commemorazione, perciò, sia per tutti motivo di riflessione e di stimolo per un impegno civico schierato senza riserve a favore della legalità» sottolinea l’associazione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Ma il 23 novembre» – continua il sodalizio nel suo commento – «cade anche un’altra triste ricorrenza, quella del terribile terremoto che colpì l’Irpinia. Oggi sono trascorsi esattamente quarant’anni da quel dramma. Quel sisma non portò soltanto morte e distruzione. Ci fu l’immediata vergogna, per una nazione che si considerava sviluppata, per l’impreparazione della rete dei soccorsi; fu seguito, nel tempo, da un’altra vergogna, quella delle speculazioni sulla ricostruzione. Anche qui il crimine (assieme alla malapolitica) giocò la sua parte e lo fece pure nella nostra Città».

«Tant’è che, quando si parla dell’Irpiniagate, tra gli esempi di cattiva ricostruzione vengono spesso citati i quartieri Penniniello e Quadrilatero delle Carceri (sulle cui prospettive di riqualificazione le cronache di questi giorni hanno sollevato nuovi interrogativi). E furono proprio i perversi interessi coalizzatisi attorno al business della ricostruzione che portarono, qui e nel resto della Regione, ad altre tragiche morti (c’entravano, però, le macerie morali e non quelle materiali). Se fu scelto proprio il 23 novembre come Giornata della Memoria è anche perché occorre riflettere pure su questa oscura pagina della nostra storia e trarre da essa i corretti insegnamenti» conclude ‘La paranza delle idee’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Setaro

Altri servizi

Fondazione Banco di Napoli, protocollo con il Comune per valorizzare la zona dei musei

In programma ci sono progetti culturali e attività di tutela dei beni Progetti culturali, attività di tutela dei beni architettonici, ambientali e paesaggistici della città,...

Torre Annunziata, D’Avino: «Città vivibile e scuole primi obiettivi. Basta col clientelismo»

Il candidato sindaco di Oplonti Futura: «Da soli e senza "cambiali" da dover pagare» Quattro candidati sindaci, quattro schieramenti. Un esercito di candidati al consiglio...