Federproprietà Napoli

Campania, un remissivo De Luca si appella ai cittadini: «Nessun rilassamento, si rischia lockdown a Natale»

Pubblicità
Pubblicità

Uno sceriffo senza stella, un lanciafiamme scarico. Un governatore ormai in grosse difficoltà. Questo sembra, al momento Vincenzo De Luca. A poco più di 12 ore dalla conferenza stampa di Conte, il fu governatore di ferro risponde a quanto avvenuto nelle ultime ore con la Campania ‘relegata’ in ‘zona gialla’. «Le decisioni del Governo sulla divisione in zone epidemiologiche dell’Italia hanno creato problemi del tutto prevedibili» afferma De Luca, senza spiegare quali sarebbero.

«Rimango convinto – dice – della necessità di misure nazionali unitarie, anche più rigorose, per una azione più efficace di contrasto al Covid, a fronte di una diffusione sostanzialmente omogenea del contagio».

«Per quello che ci riguarda, sarebbe fuori luogo ogni atteggiamento di autoconsolazione e di rilassamento. La situazione è pesante. E si rischia ora un paradosso: che chi è in zona rossa o arancione fra un mese riapre tutte le attività, avendo frenato il contagio; e chi oggi chiude gli occhi, dovrà bloccare tutto nel periodo natalizio». Periodo natalizio che il governatore ha più volte affermato di voler salvare con l’economia molto più attiva rispetto a novembre.

Ma il governatore, non potendo reagire alle decisioni di Roma fa appello al buon senso di tutti. «Deve essere chiaro che da oggi in poi saranno decisivi i comportamenti dei concittadini. Il contagio non scomparirà da solo. E il rischio di avere situazioni drammatiche è dietro l’angolo. Comportamenti irresponsabili, ancora largamente presenti nei nostri territori, rischiano di pregiudicare tutto e di far saltare due dati per noi decisivi che stiamo difendendo con l’impegno straordinario di tutto il personale sanitario: una presenza contenuta nelle terapie intensive, e un numero contenuto di persone che perdono la vita in relazione alla popolazione residente. Ho detto, e ripeto, che dobbiamo considerarci la realtà più esposta, e che dobbiamo adottare prima di altri, e con più rigore, le misure necessarie».

LEGGI ANCHE / Dpcm, de Magistris contro De Luca: «Campania ‘zona gialla’, i conti non tornano. La Regione fornisce dati reali?»

Pubblicità

E richiama all’ordine i sindaci chiedendo di «predisporre da oggi la chiusura dei lungomari e di parte dei centri storici nei fine settimana. Non possiamo tollerare che ci siano, in questa situazione, migliaia di persone che vanno a passeggio come se niente fosse. Invito a predisporre attività di controllo e di sanzione per chi ancora oggi, gira senza mascherina».

«Sollecito infine il Governo a decidere misure immediate per i congedi parentali o i bonus baby-sitter per le mamme impegnate nella cura dei bambini più piccoli. Per il resto, attendiamo di vedere e valutare le misure di ristoro economico annunciate dal Governo, chiarendo da subito che la proroga dei termini ordinari per versamenti Iva e ritenute, non può che essere una misura di carattere generale» dice un remissivo De Luca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Covid-19, Confesercenti: «Con la seconda ondata chiusi oltre 190mila negozi»

«Altro che Black Friday: novembre e dicembre rischiano di essere dei mesi 'neri' per il commercio». Questo è l'allarme lanciato da Confesercenti secondo cui...

Coronavirus, Colangelo (Confarca): «A rischio 30mila posti di lavoro, prove teoriche nelle scuole guida»

Rischiano ormai la chiusura le settemila autoscuole italiane che da circa due mesi sono ferme a causa del Coronavirus e che continuano a pagare...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook