Federproprietà Napoli

Puglia, Gemmato (FdI) interroga Speranza sulle terapie intensive e il reparto di rianimazione del ‘Riuniti’ di Foggia

Pubblicità
Pubblicità

«Ho interrogato il ministro della Salute, Roberto Speranza, per sapere in che modo intenda garantire sufficienti posti letto in tutti i reparti di terapia intensiva delle strutture sanitarie pubbliche della regione Puglia in risposta all’aumento dei contagi da Covid-19. Inoltre, ho chiesto qual è, ad oggi, il numero di medici specialisti e di operatori sanitari, adeguatamente formati, che intende mettere a disposizione per garantire le cure dei pazienti affetti da Covid-19». Lo ha affermato il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia on. Marcello Gemmato, segretario commissione Sanità alla Camera dei deputati e responsabile nazionale dipartimento Salute di FdI.

«L’interrogazione – spiega Gemmato – muove a seguito delle notizie di stampa dalle quali ho appreso che il reparto di rianimazione dell’ospedale Riuniti di Foggia avrebbe esaurito i posti letto disponibili e abbia dovuto indirizzare alcuni pazienti verso altre strutture ospedaliere della provincia per le relative cure. A fronte di ciò, il medico avrebbe rilevato difficoltà nelle terapie intensive per i pazienti No Covid nonché la mancata attivazione dei posti aggiuntivi che avrebbero dovuto rendersi disponibili a seguito dei provvedimenti del Governo volti al potenziamento delle strutture sanitarie».

«In sostanza, alla riconversione dei reparti ordinari avvenuta a giugno (a chiusura della prima ondata di contagi) non ha fatto seguito la strutturazione di reparti da adibire in vista della seconda ondata e ci troviamo quindi, oggi, davanti ad una nuova riconversione dei posti letto di terapia intensiva normali, con le uniche differenze del Policlinico di Bari – dove sono rimasti dieci posti letto in più allestiti – e dell’ospedale Perrino di Brindisi» conclude Gemmato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Altri servizi

Confindustria: «Stop alla risalita dell’industria. L’Italia rischia una nuova recessione»

L'allarme arriva direttamenta da Confindustria: l’Italia è a rischio di una nuova caduta in recessione a fine 2020. Dall'analisi dell'organizzazione emerge che peggiorano soprattutto...

Confindustria: il Pil 2020 crollerà del 6%. Sempre che riparta almeno il 90% delle attività

La bufera coronavirus, che sta scuotendo l'economia, costerà al Pil 2020 un crollo del 6%, sempre che, però, almeno il 90% delle attività produttive...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook