Federproprietà Napoli

Ambiente, scarichi abusivi nel Sarno: sequestrate quattro aziende

Pubblicità

Quattro aziende operanti nel settore della metallurgica pesante e dell’attività conserviera sono state sequestrate tra Striano e Sant’Antonio Abate, in provincia di Napoli, Pagani e Scafati, in provincia di Salerno, dai carabinieri del comando gruppo per la tutela ambientale di Napoli in esecuzione di quattro decreti di sequestro preventivo emessi dal gip del tribunale di Nocera Inferiore su richiesta della Procura e del gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina. I reati contestati, a vario titolo, sono scarico abusivo di reflui industriali, abbandono di rifiuti ed emissioni in atmosfera senza autorizzazione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Le aziende sottoposte a sequestro sono ‘I Sapori di Corbara’ di Pagani, ‘Fratelli Cavallaro società agricola’ di Scafati, ‘Gimal’ di Striano e ‘Agriconserve Rega’ di Sant’Antonio Abate. Il sequestro preventivo delle aziende, secondo quanto ritenuto dai due giudici delle indagini preliminari di Nocera Inferiore e Torre Annunziata, si sarebbe in particolare reso necessario «per impedire la protrazione dei reati accertati e l’aggravamento delle conseguenze degli stessi e per evitare l’ulteriore compromissione dell’ambiente circostante» come è scritto in una nota firmata congiuntamente dai procuratori di Nocera Inferiore, Antonio Centore, e Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, custodia cautelare per il 17enne che ha ucciso la madre

La donna colpita numerose volte al culmine di una lite Il gip di Napoli ha disposto la custodia cautelare, presso Istituto Penale Minorile nei confronti...

Torre del Greco, si salva il sindaco Palomba: respinta la mozione di sfiducia

Quindici voti contrari e solo dieci a favore Il sindaco di Torre del Greco (Napoli) Giovanni Palomba resta al suo posto. Il consiglio comunale, convocato...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook