Federproprietà Napoli

Coronavirus, i Lions donano 3 ventilatori polmonari: consegnato il primo all’ospedale Cotugno

Pubblicità

Questa mattina il presidente della prima circoscrizione dei Lions Club, Angelo Volgare insieme al delegato del service, Luciano Schifone, ha consegnato al direttore generale del Cotugno, Maurizio Di Mauro, il primo dei tre ventilatori polmonari, acquistati dalla fondazione del distretto 108ya, che il governatore Nicola Clausi ha destinato ai maggiori ospedali impegnati nella ‘guerra’ al Covid19. Altri due andranno all’ospedale San Carlo di Potenza e al Ciacciò di Catanzaro.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Volgare ha sottolineato l’impegno dei Lions nell’azione di solidarietà verso coloro che sono colpiti da questa epidemia, che si traduce nel sostegno a coloro che sono in prima linea nella lotta contro il virus, mentre Schifone ha espresso la gratitudine dei Lions verso gli operatori del Cotugno, vera eccellenza che per la alta professionalità sta ricevendo appezzamenti internazionali.

Il direttore Di Mauro, insieme al dottor Raffaele Dell’Aversano e al dottor Roberto Parrella, ha ringraziato i Lions per la solidarietà e per la preziosa donazione e ha evidenziato come gli sforzi dei sanitari stiano ottenendo buoni risultati ed il giusto riconoscimento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Leggi anche:  Appalti 'blindati' con tangenti, arrestato un ex primario. Sequestrati 600mila euro
Pubblicità

 

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Camorra, uomini d’affari, calciatori e vip dietro il giro di orologi di lusso del genero del boss Bosti

Un orologio comprato a 47mila euro e rivenduto a 4 milioni e mezzo Calciatori, uomini d’affari, nomi dello spettacolo, anche il presidente di una squadra...

Coronavirus, tecnici di Torre Annunziata a Bologna per produrre ventilatori polmonari

Anche Torre Annunziata in prima fila alla lotta contro il Coronavirus. E lo fa attraverso cinque tecnici civili: Giuseppe Leveque, Vincenzo Malafronte, Giuseppe Padulano,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook