Coronavirus, De Luca: «C’è bisogno di sangue, donate». I lavoratori della Whirlpool Napoli rispondo all’appello

Effetti collaterali del Coronavirus, diminuiti drasticamente i donatori di sangue. Molti di loro hanno deciso di non continuare nella loro opera per evitare il contagio, creando non pochi problemi al sistema sanitario e ai pazienti che hanno bisogno di trasfusioni. A lanciare l’appello questa mattina, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Durante un collegamento con Radio Crc il presidente ha sottolineato come «la mancanza di sangue sia una delle tematiche che più mi preoccupa». «Abbiamo 7 bambini, oggi, in attesa di un trapianto di midollo. Ne approfitto per rivolgere un appello a donatori: che riprendano a donare sangue, non c’è nessun pericolo» ha detto il Governatore.

Pubblicità

Emergenza sangue per effetto del Coronavirus, i lavoratori Whirlpool Napoli rispondono

All’appello hanno risposto i lavoratori della Whirlpool di Napoli. A comunicarlo una nota della Regione Campania. «I lavoratori daranno il loro prezioso contributo nella donazione di sangue» si legge. Con l’Asl Napoli 1 si sta definendo in queste ore il programma di donazione dei volontari. «Ringrazio di cuore i lavoratori della Whirlpool – ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca – per la grande sensibilità dimostrata. Abbiamo fatto subito partire l’organizzazione e già da domani mattina sarà possibile effettuare la donazione volontaria».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità Federproprietà Napoli

Setaro

Altri servizi

Uno dei baby ras dei Quartieri Spagnoli causò la lite in cui morì Giogiò

Il 21enne era insieme al 17enne che avrebbe aperto il fuoco contro il musicista Una lite causò il ferimento di Vincenzo Masiello; una lite portò...

Stupro di Palermo, il branco vuole sentire la vittima

Secondo i difensori le nuove prove dimostrerebbero che la giovane era consenziente Dentro l’aula è scontro tra accusa e difesa. Fuori dal tribunale di Palermo...