Camorra, in manette Emilio Martinelli: era il nuovo reggente del clan dei Casalesi

L’organizzazione camorristica attiva anche nelle truffe relative al bonus 110%

La polizia di Stato ha arrestato per associazione camorristica Emilio Martinelli, ritenuto l’attuale reggente del clan dei Casalesi, figlio di Enrico, storico esponente del clan attualmente al 41bis. L’arresto è scaturito dalle indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e della squadra mobile della questura di Caserta sul riassetto del clan casertano e sui legami tra i diversi gruppi confederati, operanti ciascuno nella propria zona. Un primo gruppo composto da sei persone e attivo nel settore delle estorsioni e delle armi era già stato smantellato: i componenti furono catturati nel luglio 2021 e sono già stati condannati.

Pubblicità

Le indagini

Le successive indagini hanno consentito di accertare che a dispetto di arresti, condanne e pentimenti, il clan dei Casalesi ha sempre continuato a essere operativo, con una rimodulazione della composizione delle fazioni e degli equilibri tra le stesse, restando comunque fermo il comando delle nuove generazioni delle famiglie Schiavone e Bidognetti.

Un paio di anni fa l’indagine che portò in manette i figli del boss Francesco Bidognetti, oggi l’arresto di un altro «pezzo da novanta» rimasto sul territorio, il 32enne Emilio Martinelli, figlio di Enrico, esponente di spicco dei Casalesi, che in questi anni ha assunto un ruolo direttivo del clan per i traffici di droga, le estorsioni ai danni di commercianti, il noleggio delle auto e le truffe relative al bonus 110% nel territorio di San Cipriano di Aversa.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Martinelli si sarebbe avvalso della collaborazione di altri 5 soggetti, già sottoposti a misure cautelari, ognuno dei quali svolgeva un ruolo ben preciso per le estorsioni e la gestione dell’arsenale a disposizione del clan, costituito da revolver, pistole semi automatiche, kalashnikov e pistola mitragliatrice modello Uzi.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Invita una turista per un drink e la stupra: 32enne tunisino arrestato in Sicilia

Le violenze sarebbe avvenute a Sorrento l'estate scorsa Avrebbe violentato in strada una giovane conosciuta da poco, dopo averla condotta con un pretesto in un...

Caivano, don Patriciello: «La bomba? Ai clan non piace chi denuncia»

Il parroco: «Saperli rinchiusi in carcere mi addolora» Ha denunciato l’oppressione della camorra, lo ha fatto «ad alta voce» e questo «a loro non piace»....