Omicidio di Colleferro, i giudici: dai fratelli Bianchi colpi micidiali contro Willy

Il ragazzo ucciso a calci e pugni in una piazza nel settembre del 2020

«Resta dato inalienabile, riferito da tutti i testi, dei micidiali colpi sferrati da Gabriele e Marco Bianchi contro Willy. Certa è anche la condotta violenta tenuta da Belleggia costituita in particolare nel colpire Willy con un calcio alla testa, nella fase finale del pestaggio».

Pubblicità

È quanto scrivono i giudici della corte d’Assise di appello di Roma nelle motivazioni della sentenza del luglio con cui hanno condannato a 24 anni i fratelli Bianchi, a cui era stato inflitto l’ergastolo in primo grado, per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, ucciso a calci e pugni in una piazza di Colleferro nel settembre del 2020. Ai due vennero riconosciute le attenuanti generiche.

I giudici confermarono le altre condanne: 21 anni a Mario Pincarelli e 23 anni a Francesco Belleggia. Nelle cinquanta pagine di motivazioni i giudici ricostruiscono quanto avvenuto affermando che «deve ritenersi accertato che l’aggressione inizia con il violento calcio sferrato da Gabriele Bianchi al petto di Willy con tecnica d’arti marziali e con potenza tale da sospingerlo di schiena contro un’autovettura e al quale segue un pugno sferrato sempre da Gabriele Bianchi al momento in cui il giovane tenta di rialzarsi. A sua volta Marco Bianchi, in sinergia con il fratello, colpisce con un calcio al livello del collo e poi con un pugno in pancia un amico di Willy intervenuto a sua difesa e poi lo stesso Willy con calci e pugni».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Gli altri due imputati «si affiancano da subito ai fratelli Bianchi e colpiscono Willy con un violento calcio alla testa e con calci pugni quando ormai Willy è atterra inerme. Deve ritenersi accertato che tutti gli imputati hanno partecipato al brutale pestaggio di Willy colpendolo ripetutamente con violenza con calci pugni».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Totò è un brand: lettere di diffida a pizzerie e ristoranti, dovranno cambiare nome

Inibito anche l'uso non autorizzato della poesia «'A livella» Numerose pizzerie, ristoranti e paninoteche di Napoli ma di diverse altre città in Italia saranno presto...

Taranto, intesa tra MiC, Regione e Comune: arriva la «Biennale italiana del Mediterraneo»

Oggi la firma del protocollo È stato firmato oggi, a Roma, al Ministero della Cultura, un protocollo d’intesa tra il MiC, la Regione Puglia e...