Musicista ucciso a Napoli: il 16enne ha ammesso la sua responsabilità

Il minorenne ha precedenti per tentato omicidio e truffa

Ha ammesso le sue responsabilità, durante l’interrogatorio cui è stato sottoposto dagli agenti della squadra mobile, il 16enne sottoposto a fermo per l’omicidio del musicista 24enne Giovambattista Cutolo, ucciso all’alba di oggi nella centralissima piazza Municipio a Napoli. Il ragazzo ha ammesso le sue responsabiltà ma ha spiegato che non voleva ucciderlo.

Pubblicità

Il minorenne, che ha precedenti per tentato omicidio e truffa, è ora accusato di omicidio aggravato, porto abusivo di arma da sparo e ricettazione. La vittima è stata ferita mortalmente da più colpi d’arma da fuoco, esplosi dal 16enne all’esterno di un pub dopo una lite per motivi di parcheggio. Il decreto di fermo eseguito dalla polizia è stato emesso dalla Procura per i minorenni di Napoli.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Poliziotto ucciso in una rapina: imputato in coma, salta l’udienza

Il processo a 36 anni dall'omicidio di Domenico Attianese A causa delle gravi condizioni di salute di uno dei due imputati, in coma farmacologico per...

«Caserta gate», dalle intercettazioni il sostegno elettorale del clan Belforte

La genesi dell’inchiesta che ha portato ai domiciliari l’assessore comunale Massimiliano Marzo L’inchiesta che ha portato ai domiciliari l’assessore ai Lavori Pubblici, Protezione Civile e...